Rivista sull'affidamento dei contratti pubblici.ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Giuseppe Gratteri  e  Avv. Gherardo Lombardi
Art. 97. (Offerte anormalmente basse)
Consiglio di Stato, Sezione III, 12 luglio 2021

[A] Sul diritto di accesso difensivo in presenza di segreti tecnici e commerciali. [B] Se il carattere incidentale della domanda di accesso costituisca un indice univocamente rivelatore della sua preordinazione alle esigenze difensive del suo proponente. [C] Sull’obbligo di esecuzione diretta da parte dell’ausiliaria in caso di avvalimento di esperienze professionali. [D] Sulla congruenza contenutistica tra le risultanze descrittive del certificato camerale e l’oggetto del contratto d’appalto. [E] Se sia legittima la scelta dell’Amministrazione di non richiedere ulteriore documentazione probatoria del tasso di assenteismo storicamente riscontrato.

TAR Lazio Roma, Sezione III, 12 luglio 2021

[A] Se il ricorso principale debba essere esaminato prima del ricorso incidentale escludente. [B] Sulla valutazione dell’illecito professionale ai sensi dell’art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. n. 50/2016. [C] Sulla valutazione favorevole delle giustificazioni dell'offerta sospetta di anomalia. [D] Se debbano essere indicati nell’offerta, e valutati dalla stazione appaltante per verificarne la congruità, i costi indiretti della commessa.

Consiglio di Stato, Sezione III, 2 luglio 2021

[A] Sui caratteri e sul sindacato giurisdizionale del giudizio di anomalia. [B] Se il RUP possa rivolgersi ad un consulente esterno nella valutazione dell’anomalia e se detta valutazione sia di competenza della Commissione giudicatrice.

T.A.R. Sardegna, Cagliari, Sez. I, 1 luglio 2021

[B] Sulla differenza tra varianti e migliorie negli appalti di servizi. [A] Sulla riduzione del costo del lavoro offerto come conseguenza della realizzazione di economie di scala.

T.A.R. Calabria, Catanzaro, Sez. II, 2 luglio 2021

[A] Sulla ammissibilità delle giustificazioni sopravvenute nell’ambito del subprocedimento di verifica dell'anomalia, di cui all’art. 97 del D.lgs 50 del 2016. [B] Sulla ammissibilità degli aggiustamenti dei valori dell'offerta economica determinati dalle perdite causate dall’epidemia da Covid-19.

Consiglio di Stato, Sezione V, 21 giugno 2021

[A] Sulla decorrenza del termine di impugnazione in caso di istanza di accesso. [B] Sul vizio motivazionale del giudizio di congruità dell’offerta e sull’onere di dimostrare l’erroneità del giudizio positivo di anomalia. [C] Sulla riduzione del tasso di assenteismo.

T.A.R. Sicilia, Palermo, Sez. I, 26 maggio 2021

[A] Sulla titolarità del sub procedimento di anomalia, di cui all’art. 97 del D.lgs 50 del 2016. [B] In ordine alla possibilità per il RUP di chiedere il supporto della Commissione giudicatrice nel sub procedimento di anomalia nelle gare aggiudicate con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

T.A.R. Campania, Napoli, Sez. I, 25 maggio 2021

[A] Sulle conseguenze derivanti dalla non completa indicazione, nell’offerta economica, di tutte le voci che la compongono. [B] Sulla utilità, per la stazione appaltante, di conoscere tutte le voci dell’offerta che concorrono a determinare il prezzo offerto.

TAR Lazio Roma, Sezione I bis, 18 maggio 2021

[A] Se la sottostima dei costi richiamati nell’articolo 95 comma 10, D. Lgs. 50/2016 giustifichi l’esclusione dalla gara. [B] Se l’organizzazione aziendale consenta la riduzione delle ore di assenza previste dalle Tabelle ministeriali.

Consiglio di Stato, Sezione V, 3 maggio 2021

[A] Sul carattere monofasico del procedimento di verifica di anomalia dell’offerta. [B] Sulle giustificazioni degli scostamenti dalle tabelle ministeriali con particolare riguardo alle valutazioni statistiche aziendali sul costo del lavoro. [C] Se sia ammissibile il riferimento negli atti processuali alle perizie in atti. [D] Sulla motivazione del giudizio di incongruità dell’offerta.

T.A.R. Toscana, Sez. I, 27 aprile 2021

[A] Sullo scostamento del costo della manodopera rispetto alle tabelle ministeriali. [B] Sulla differenza tra migliorie e varianti progettuali

TAR Lazio Roma, Sezione I, 19 aprile 2021

[A] Sulla verifica facoltativa dell’anomalia dell’offerta. [B] Se possa affermarsi per i consorzi stabili la sopravvivenza normativa del cumulo alla rinfusa a seguito delle modifiche apportate all’art. 47 del D. Lgs. n. 50/2016.

Consiglio di Stato, Sezione V, 19 aprile 2021

[A] Se rispetto al provvedimento di esclusione siano configurabili controinteressati qualora nel medesimo verbale la seconda classificata sia dichiarata aggiudicataria provvisoria. [B] Sul giudizio di anomalia dell’offerta. [C] Se la mancanza di criteri previamente stabiliti determini ex se l’illegittimità della nomina della commissione. [D] Se la competenza richiesta ai commissari debba riferirsi ad aree tematiche omogenee o alle specifiche attività oggetto dell'appalto.

Consiglio di Stato, Sezione V, 2 aprile 2021
[A] Se sia ammissibile il ricorso all’apprendistato professionalizzante in relazione ad attività destinate a personale qualificato. [B] Se siano utilizzabili i contratti di apprendistato a fronte della clausola sociale contenuta nel CCNL metalmeccanici.
TRGA TN, 18 marzo 2021
[A] Sul rischio operativo della concessione di servizi. [B] Se le previsioni dell’art. 97, commi 2 e 3, D. Lgs. 50/2016, siano compatibili con la concessione di servizi. [C] Sulla discrezionalità tecnica del giudizio di anomalia dell’offerta. [D] Se la valutazione di congruità dell’offerta possa essere motivata “per relationem”. [E] Se la stazione appaltante in sede di verifica dell’anomalia possa limitarsi a chiedere chiarimenti sulle voci di costo più rilevanti.
TAR Campania SA, Sezione I, 16 marzo 2021
[A] Se ai fini della verifica dell’anomalia ex art. 97, comma 3, D. Lgs. n. 50/2016 l’offerta temporale debba essere aggregata all’offerta economica. [B] Sulla verifica facoltativa dell’anomalia dell’offerta. [C] Se gli oneri per la sicurezza aziendali possano determinarsi mediante una formula matematica. [D] Se il procedimento di verifica dell’anomalia rientri nelle competenze del RUP. [E] Se la mancata attivazione del ruolo integrativo e di supporto affidato alla commissione concreti un vizio di incompetenza. [F] Se nel procedimento di verifica dell’anomalia sussista l'obbligo di contraddittorio. [G] Sulla legittimazione del concorrente escluso dalla gara ad impugnare gli atti successivi alla sua esclusione fino a quando il provvedimento di esclusione non sia divenuto definitivo. [H] Sul divieto di commistione fra offerta tecnica ed economica. [I] Se nell'offerta tecnica possano essere inclusi singoli elementi economici, quali i mezzi di listini ufficiali.
TAR Lazio RM, Sezione III Quater, 15 marzo 2021
[A] Sul diritto di accesso a informazioni contenenti segreti tecnici o commerciali. [B] Sull’avvalimento esperenziale relativo ai titoli di studio e professionali. [C] Sulla congruenza contenutistica tra le risultanze del certificato camerale e l'oggetto del contratto d'appalto. [D] Sulle tabelle ministeriali come parametro di valutazione della congruità dell'offerta. [E] Sulle voci obbligatorie e convenzionali delle tabelle ministeriali. [F] Se i minimi salariali siano costituiti da tutte le voci retributive di cui alla lettera A della tabella del Ministero del Lavoro.
TAR Sardegna, Sezione II, 2 marzo 2021
[A] Sulla legittimazione a ricorrere del concorrente terzo graduato. [B] Se il discostamento dalle tabelle ministeriali sul costo orario implichi incongruità dell’offerta. [C] Se siano consentite giustificazioni sopravvenute e compensazioni tra sottostime e sovrastime qualora le stesse riguardino il costo della manodopera.
Consiglio di Stato, Sezione V, 1° marzo 2021
[A] Sui presupposti dell’improcedibilità per sopravvenuta carenza di interesse. [B] Se il giudizio di non anomalia possa fondarsi sul fatto che i costi della manodopera sono inferiori rispetto alla media delle offerte. [C] Sull’omissione dichiarativa ai sensi dell’art. 80, comma 5, lettere c-bis), c-ter) e c-quater e se possa essere rimessa al g.a. la valutazione sull’integrità o affidabilità del concorrente.
TAR Campania SA, Sezione I, 19 febbraio 2021
[A] Se la mancata verifica della congruità dei costi di manodopera costituisca un vizio invalidante. [B] Se il possesso di un centro cottura possa essere un requisito di partecipazione. [C] Se i requisiti di ammissione debbano essere espliciti o possano desumersi in via interpretativa dal capitolato speciale. [D] Se l’omessa disponibilità dei “mezzi” indicati nell’offerta relativi all’esecuzione della prestazione possa costituire falsità della dichiarazione o inammissibilità dell’offerta alla gara.
Consiglio di Stato, Sezione V, 19 febbraio 2021
[A] Se la stazione appaltante debba motivare perchè non ritenga la pregressa vicenda professionale dichiarata dal concorrente incisiva sulla sua moralità professionale. [B] Se sia ammissibile il ricorso al lavoro a tempo supplementare per la sostituzione di lavoratori assenti.
TAR Lazio RM, Sezione II bis, 12 febbraio 2021
[A] Se il termine di impugnazione subisca solo un differimento limitato al tempo strettamente necessario alla trattazione dell’accesso e cioè di 15 giorni. [B] Sulla necessità di rimeditare l’orientamento che limita il sindacato giurisdizionale della valutazione di anomalia dell’offerta alla manifesta irragionevolezza o illogicità o erroneità dei presupposti. [C] Sulle conseguenze processuali dell’accoglimento delle censure relative al giudizio di anomalia.
TAR Sardegna, Sezione I, 15 febbraio 2021
[A] Sul diritto di accesso difensivo ex art. art. 53 del D. Lgs. 50/2016. [B] Sul diritto di accesso in ordine a informazioni contenenti eventuali segreti tecnici o commerciali. [C] Sul principio di equivalenza in ordine agli appalti per la fornitura di medicinali e dispositivi medici. [D] Sulla competenza del RUP in ordine al soggetto cui affidare la verifica di anomalia dell’offerta. [E] Sulle valutazioni della Commissione in sede di verifica dell’anomalia dell’offerta.
TAR Calabria CZ, Sezione I, 9 febbraio 2021
[A] Sulla eventuale invalidità del giudizio conclusivo della commissione giudicatrice in relazione alla brevità del tempo dedicato alle operazioni di scrutinio. [B] Sulla rilevanza della mancata pubblicazione dei curricula dei commissari in una gara d’appalto. [C] Sulla violazione della clausola di stand still. [D] Sulle giustificazioni nel sub-procedimento di anomalia dell’offerta. [E] Se la giustificazione del ricorso a terzi costituisca precisazione o modifica dell’offerta.
TAR Piemonte, Sezione II, 25 gennaio 2021
[A] Sulla possibilità degli operatori economici di avvalersi di soggetti estranei alla propria organizzazione per l’esecuzione delle lavorazioni oggetto del contratto. [B] Sulla natura di contratto derivato del subappalto. [C] Sulla discrezionalità nell’ambito del giudizio di anomalia dell’offerta. [D] Se sia necessario il rigetto automatico di un’offerta al prezzo di € 0.
TAR Veneto, Sezione II, 26 gennaio 2021
[A] Sulla necessità di esaminare il ricorso principale e quello incidentale in presenza di gravami incrociati escludenti. [B] Se l’Amministrazione appaltante possa legittimamente chiedere che i concorrenti abbiano svolto servizi identici a quello oggetto dell’appalto. [C] Sulla dimostrazione del pregresso svolgimento di servizi “simili” nell’ottica del rispetto del principio della massima partecipazione alle gare pubbliche. [D] Sull’onere dell’aggiudicataria di giustificare i propri costi del lavoro quando non siano coincidenti con quelli medi tabellari. [E] Sulle ipotesi in cui, con riferimento al costo del personale, sono previste l’inammissibilità dell’offerta o l’esclusione. [F] Sull’interpretazione del requisito di capacità tecnica e di partecipazione.
TAR Puglia BA, Sezione I, 5 gennaio 2021
[A] Sulla verifica di anomalia dell’offerta. [B] Sul giudizio sulla congruità dell'offerta economica. [C] Sugli aspetti procedimentali e sul principio del contraddittorio nel giudizio di anomalia dell’offerta. [D] Se siano modificabili le singole voci di costo. [E] Sulla decorrenza del termine per l’impugnazione di atti di gara lesivi.
TAR Veneto, Sezione I, 7 gennaio 2021
[A] Sul rapporto di priorità logica tra ricorso principale ed incidentale. [B] Sulla necessità di dati probatori significativi ed univoci per giustificare eventuali discostamenti dalle tabelle ministeriali in tema di tasso di assenteismo medio dei dipendenti. [C] Se in presenza di una clausola sociale possa giustificarsi il tasso di assenteismo con il riferimento a personale diverso da quello effettivamente da impiegare. [D] Sulla libertà di scelta dell’operatore economico in merito al contratto collettivo da applicare.
Consiglio di Stato, Sezione V, 9 dicembre 2020
[A] Sulla rettifica di errori materiali contenuti nell’offerta. [B] Se in sede di verifica dell’anomalia dell’offerta abbiano rilievo le modalità esecutive dell’appalto. [C] Se sia ammissibile la modifica dell’offerta in sede di giustificazioni dell’anomalia.
TAR Sardegna, Sezione I, 7 dicembre 2020
[A] Sul giudizio di verifica dell’anomalia dell’offerta. [B] Sul sindacato del giudice amministrativo in ordine alle valutazioni della Pubblica amministrazione. [C] Sull’esame delle giustificazioni prodotte dai concorrenti a dimostrazione della non anomalia della propria offerta. [D] Sulla motivazione della valutazione di non anomalia dell’offerta. [E] Sulla finalità del procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta. [F] Sul costo orario medio del lavoro emergente dalle tabelle ministeriali di riferimento.
Consiglio di Stato, Sezione V, 30 novembre 2020
[A] Sull’onere della prova gravante del ricorrente che contesti la valutazione di non anomalia dell’offerta. [B] Sulla portata del divieto di introdurre “nova” con la memoria non notificata. [C] Sui poteri del giudice amministrativo che abbia accertato l’illegittimità della valutazione di non anomalia dell’offerta.
TAR Lazio LT, Sezione I, 28 novembre 2020
[A] Sulla decorrenza del termine di impugnazione dell’aggiudicazione. [B] Sul diritto di accesso riguardo a informazioni contenenti eventuali segreti tecnici o commerciali. [C] Sul ribasso rispetto all’importo a base d’asta nelle procedure di affidamento di contratti pubblici. [D] Sulle contestazioni del ricorrente in merito alla valutazione di congruità dell’offerta degli altri concorrenti.
TAR Lazio LT, Sezione I, 9 novembre 2020
[A] Sul sindacato da parte del giudice amministrativo del giudizio di verifica dell’anomalia dell’offerta. [B] Sull’ambito di applicazione dell’art. 95, comma 14 bis del D.Lgs. n. 50/2016.
TAR Lazio RM, 4 novembre 2020
[A] Sul divieto di commistione tra offerta economica e offerta tecnica. [B] Se il principio di segretezza delle offerte imponga la rinnovazione della procedura.
Consiglio di Stato, Sezione III, 29 ottobre 2020
[A] Sull’idoneità del punteggio numerico ad operare alla stregua di una sufficiente motivazione. [B] Se la mancata determinazione nella legge di gara dei costi della manodopera osti alla formulazione delle offerte ed alla loro valutazione di congruità. [C] Se la valutazione della congruità del costo della manodopera debba essere effettuata in rapporto alle specificità del singolo appalto. [D] Se il subappalto dichiarato possa essere oggetto di verifica di congruità. [E] Se a seguito delle illegittimità accertate in sede giudiziale occorra comunque procedere alla riedizione del procedimento di verifica dell’anomalia.
Consiglio di Stato, Sezione V, 2 novembre 2020
[A] Sulla necessità di contemperare la clausola sociale con la libertà d’impresa. [B] Se la clausola sociale implichi la conservazione dell’inquadramento e dell’anzianità del lavoratore assorbito dall’aggiudicataria. [C] Sulla giurisdizione in ordine al modo in cui viene data esecuzione all’obbligo di riassorbire i lavoratori. [D] Se il diverso inquadramento attribuito ai lavoratori assorbiti valga quale ragione d’anomalia sul costo della manodopera.
TAR Umbria, Sezione I, 26 ottobre 2020
[A] Sul giudizio di anomalia dell’offerta. [B] Se sia consentita la modifica in sede di verifica della congruità del valore del costo della manodopera indicato nell’offerta economica. [C] Se siano ammissibili nel subprocedimento di verifica dell’anomalia le modifiche alle giustificazioni. [D] Sul principio del c.d. “utile necessario”. [E] Sul sindacato del giudice amministrativo in relazione alla verifica della congruità dell’offerta.
Consiglio di Stato, Sezione V, 27 ottobre 2020
[A] Se l'incongruità di alcune voci di prezzo determini necessariamente l'anomalia dell'offerta. [B] Sulla ripartizione delle quote di partecipazione e di esecuzione da parte del raggruppamento temporaneo e se essere esclusa un’offerta per la mancata assunzione da parte della mandataria della quota maggioritaria di esecuzione per un sub-raggruppamento orizzontale.
Consiglio di Stato, Sezione V, 26 ottobre 2020
[A] Sul carattere esemplificativo dell’elencazione contenuta nell’art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. 50/2016. [B] Sui limiti di operatività dell’obbligo dichiarativo ex art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. 50/2016. [C] Se debba essere dichiarata la revoca di un finanziamento disposta per il comportamento di un membro del r.t.i. [D] Sull’emendabilità dell’errore da parte della stazione appaltante. [E] Se l’inquadramento degli psicologi in un livello professionale inesatto possa essere corretto dalla stazione appaltante. [F] Sui limiti alla modificabilità dei costi della manodopera.
TAR Piemonte, Sezione I, 15 ottobre 2020
[A] Se il giudizio favorevole di non anomalia possa essere espresso per relationem. [B] Se la stazione appaltante sia tenuta a chiedere chiarimenti su tutti gli elementi dell’offerta. [C] Se la competenza all’espletamento della verifica dell’anomalia dell’offerta appartenga al RUP. [D] Se la valutazione di congruità implichi un giudizio analitico delle singole componenti dell’offerta. [E] Se siano modificabili le giustificazioni o spiegazioni dei contenuti dell’offerta. [F] Sulla sindacabilità dei punteggi assegnati dalla stazione appaltante.
TAR Emilia Romagna BO, Sezione II, 14 ottobre 2020
[A] Sui limiti alla sindacabilità del giudizio di congruità dell’offerta sospetta di anomalia. [B] Sulla natura globale e sintetica della valutazione di congruità dell’offerta. [C] Sulle conseguenze del prezzo uguale a zero per alcune voci dell’offerta. [D] Se debba essere escluso il concorrente che abbia indicato i costi della sicurezza ed i costi della manodopera in modo diverso da quanto prescritto dalla legge di gara. [E] Se il concorrente possa giustificare tassi di assenteismo inferiori a quelli previsti dalle tabelle ministeriali mediante la c.d. “statistica aziendale”. [F] Sulla mancata osservanza dei minimi tabellari.
TAR Emilia BO, Sezione I, 12 ottobre 2020
[A] Sulla natura “globale e sintetica” del giudizio di verifica della congruità di un’offerta sospetta. [B] Sul giudizio della Stazione appaltante in ordine alle giustificazioni presentate dal concorrente in tema di anomalia delle offerte. [C] Se Le disposizioni del P.S.C. di cui all’art. 100 del D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 possano essere utilizzate nella determinazione della stima della forza lavoro e del costo della manodopera ai fini del giudizio tecnico di anomalia. [D] Se sia possibile stabilire una soglia minima di utile al di sotto della quale l’offerta debba essere considerata anomala. [E] Sulla discrezionalità tecnica del giudizio di anomalia dell’offerta espresso dalla stazione appaltante.
TAR Emilia PR, Sezione I, 24 settembre 2020
[A] Sul dogma dell’incomunicabilità tra requisiti soggettivi di pre-qualificazione ed elementi oggettivi di valutazione previsti in un bando di gara. [B] Se il requisito soggettivo richiesto per meglio apprezzare l’affidabilità dell’offerta o valorizzarne i contenuti e le caratteristiche possa essere preso in prestito da altro operatore economico. [C] Se per sconfessare il giudizio della Commissione giudicatrice sia necessario dimostrare la palese inattendibilità e l’evidente insostenibilità del giudizio tecnico compiuto. [D] Sulla discrezionalità tecnica della valutazione delle offerte nonché l’attribuzione dei punteggi da parte della Commissione giudicatrice. [E] Sulla funzione indicativa dei parametri inerenti i costi medi della manodopera contenuti nelle tabelle ministeriali.
Consiglio di Stato, Sezione V, 21 settembre 2020
[A] Se sia necessario procedere alla verifica ex art. 95, comma 10 nei confronti dell’aggiudicataria sottoposta a verifica di anomalia. [B] Sulla rilevanza della difformità del costo del lavoro da quello indicato nelle tabelle ministeriali in sede di verifica di anomalia dell’offerta. [C] Se debba escludersi il concorrente che abbia offerto un costo per la manodopera inferiore a quello stimato dalla stazione appaltante qualora il disciplinare di gara abbia definito come non suscettibile di ribasso il costo della manodopera.
TAR Campania NA, Sezione I, 21 settembre 2020
[A] Sul rapporto tra ricorso principale e incidentale. [B] Se debba essere esaminato prioritariamente il ricorso principale o quello incidentale. [C] Sulla natura globale e sintetica del giudizio di anomalia. [D] Se sia ammissibile la modifica delle giustificazioni delle singole voci di costo, rispetto a quelle già fornite. [E] Sulla rilevanza degli errori ed omissioni riscontrati nel procedimento di valutazione di anomalia.
TAR Marche, Sezione I, 7 settembre 2020
[A] Se la monofasicità del sub-procedimento di verifica dell’anomalia rappresenti un obbligo. [B] Sulla discrezionalità della Stazione appaltante nell’esame delle giustificazioni prodotte dai concorrenti a dimostrazione della non anomalia della propria offerta. [C] Sulle ipotesi in cui l’offerta può ritenersi condizionata. [D] Se siano ammissibili modifiche dell’offerta in sede di giustificazioni. [E] Sul principio di equivalenza. [F] Sulla sindacabilità della scelta del criterio di determinazione del sub-punteggio relativo alla componente tecnica dell’offerta.
T.R.G.A. BZ, 1 settembre 2020
[A] Sul principio di “autoresponsabilità” del concorrente. [B] Se la rimodulabilità delle voci di costo nelle giustificazioni richieda che le voci siano state tutte previste e spesate. [C] Se le giustificazioni delle offerte anomale possano essere articolate per la prima volta nel corso del giudizio. [D] Se i costi del personale debbano essere specificamente indicati o se possano essere inseriti insieme ad altre voci di costo. [E] Se il responsabile del procedimento, che abbia già richiesto spiegazioni, sia tenuto ad assegnare un ulteriore termine per integrazioni o chiarimenti. [F] Se si configuri un appalto unitario qualora ciascun lotto di gara possa essere aggiudicato a concorrenti diversi.
T.A.R. Campania NA, Sezione I, 1° settembre 2020
[A] Se la cessione di ramo d’azienda comporti per il cedente in via automatica la perdita delle proprie qualificazioni. [B] Sul procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta. [C] Sulle spese generali. [D] Se l’art. 83, comma 8, D. Lgs. n. 50/2016 faccia riferimento ai requisiti minimi previsti per concorrere allo specifico appalto o ai requisiti posseduti in astratto ed in termini assoluti dalle imprese raggruppate.
TAR Piemonte, Sezione I, 4 agosto 2020
[A] Se la prescrizione sul numero massimo delle pagine della relazione tecnica allegata all’offerta sia a pena di esclusione. [B] Sulla discrezionalità tecnica della Commissione di gara in ordine alle valutazioni delle offerte tecniche. [C] Se la motivazione per relationem alle giustificazioni rese dall’impresa offerente sia sufficiente in caso di positiva valutazione di congruità della presunta offerta anomala. [D] Se il mancato rispetto dei minimi salariali comporti sempre l’esclusione dell’offerente. [E] Sul valore statistico-indicativo del costo del lavoro indicato nelle tabelle ministeriali.
TAR Toscana, Sezione I, 19 agosto 2020
[A] Sulla soglia di rilevanza dello scostamento del costo effettivo della manodopera rispetto a quello tabellare. [B] Sull’onere probatorio in ordine ai dati statistici relativi al favorevole tasso di assenteismo aziendale e sull’efficacia allo scopo dei documenti o perizie depositate in giudizio.
TAR Emilia Romagna PR, Sezione I, 30 luglio 2020
[A] Sulla sindacabilità dei giudizi tecnici espressi dalle Commissioni di gara in relazione all’anomalia dell’offerta. [B] Sulle finalità del sub procedimento di anomalia dell’offerta. [C] Se debba considerarsi inammissibile la sola offerta in perdita e non anche quella che presenta un utile irrisorio. [D] Se la carenza dell’istruttoria condotta dalla Stazione appaltante in sede di verifica dell’anomalia determini la necessità di una riedizione del relativo sub procedimento.
Consiglio di Stato, Sezione V, 30 luglio 2020
[A] Se la verifica di congruità di un’offerta anomala possa essere effettuata attraverso un giudizio comparativo. [B] Sul sindacato giurisdizionale in ordine alla scelta dei criteri di valutazione delle offerte, compreso il peso da attribuire a tali singoli elementi e agli eventuali sub-criteri e sub-pesi. [C] Sulla determinazione dei punteggi da attribuire a ciascun criterio o sub-criterio. [D] Se contrasti con l’obbligo negli appalti di servizi ad alta intensità di manodopera di ricorrere al criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, la previsione di non ribassabilità del costo del personale. [E] Sui limiti del diritto di accesso a informazioni contenenti eventuali segreti tecnici o commerciali.
Consiglio di Stato, Sezione VI, 21 luglio 2020
[A] Principi giurisprudenziali in tema di clausola sociale. [B] Sull’ammissibilità dei chiarimenti resi dalla stazione appaltante. [C] Sui caratteri del giudizio di anomalia. [D] Sul costo medio orario delle tabelle ministeriali e sulle voci suscettibili di variazione. [E] Sul tasso di assenteismo in presenza di una clausola sociale.
Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Sicilia, 16 luglio 2020
[A] Se l’aggiudicazione costituisca un’autonoma manifestazione di volontà dell’amministrazione appaltante resa all’esito della verifica della proposta di aggiudicazione. [B] Se l’approvazione per silentium della proposta di aggiudicazione trasformi automaticamente la proposta di aggiudicazione in aggiudicazione. [C] Se il meccanismo del “taglio delle ali” disciplinato dall’art. 97, comma 2 bis, del D.Lgs. 50/2016 comporti l’esclusione automatica dalla gara delle imprese che abbiano presentato offerte ricadenti nelle “ali”. [D] Sulla presunzione che le offerte ricadenti nelle “ali” abbiano come obiettivo quello di condizionare la soglia di anomalia. [E] Sui presupposti per il riconoscimento del mancato utile in caso di annullamento dell’aggiudicazione impugnata.
TAR Veneto, Sezione III, 13 luglio 2020
[A] Sulla funzione di parametro di riferimento delle tabelle ministeriali recanti il costo della manodopera. [B] Se lo scostamento dalle tabelle ministeriali recanti il costo della manodopera comporti un giudizio di inattendibilità dell’offerta. [C] Se le valutazioni statistiche e le analisi aziendali possano giustificare lo scostamento dai valori delle tabelle ministeriali. [D] Se in caso di inadeguatezza della verifica di congruità per carenze istruttorie, accertata giudizialmente, debba essere disposta la regressione della procedura alla fase di verifica dell’anomalia. [E] Se la stazione appaltante possa escludere un concorrente per difformità da un presunto requisito minimo non espressamente stabilito dalla lex specialis di gara. [F] Se l’annullamento di un provvedimento amministrativo per vizi formali consenta di accogliere la domanda di risarcimento del danno.
Consiglio di Stato, Sezione III, 13 luglio 2020
[A] Se debba ritenersi anomala l’offerta che presenti uno scostamento ove emerga lo scostamento dei mezzi impiegati rispetto agli indici di produttività media. [B] Sulla legittimità dell'operato della Commissione a fronte di un sensibile scostamento dalle performance individuali standard rinvenibili nelle elaborazioni di settore.
TAR Toscana, Sezione I, 26 giugno 2020
[A] Se sia necessaria l'indicazione nominativa dell'impresa subappaltatrice qualora la concorrente sia sprovvista del requisito di qualificazione. [B] Se sia ammissibile il cd. subappalto necessario. [C] Se sia necessaria la sottoscrizione della documentazione giustificativa dell’anomalia dell’offerta da parte di tutti i componenti il R.T.I.
Consiglio di Stato, Sezione V, 22 giugno 2020
A] Sull'indicazione nell'offerta dei dati relativi al costo del lavoro e degli oneri di sicurezza aziendali. [B] Sulla funzione dell'indicazione nell'offerta del costo del lavoro. [C] Se in sede di giustificazioni possa essere modificato il costo del lavoro indicato nell'offerta.
Consiglio di Stato, Sezione III, 12 giugno 2020
[A] Se l'incongruenza di una singola voce stipendiale determini la violazione del divieto di incisione del minimo retributivo. [B] Se nel contesto della composizione delle diverse voci del costo del lavoro debba ammettersi una compensazione tra sotto-elementi retributivi.
Consiglio di Stato, Sezione III, 9 giugno 2020
[A] Ancora sulla difformità dalle tabelle ministeriali in sede di valutazione della non anomalia dell’offerta. [B] Se sia possibile giustificare un costo orario più contenuto rispetto a quello delle tabelle ministeriali riducendo le aliquote IRAP (3,9%) o azzerando la rivalutazione del TFR. [C] Se sia legittimo il ricorso al lavoro supplementare per abbattere i costi della manodopera.
Consiglio di Stato, Sezione III, 5 giugno 2020
[A] Sull’organo competente a valutare l’anomalia dell’offerta. [B] Se il RUP possa chiedere l’ausilio di un tecnico esterno per la valutazione dell’anomalia dell’offerta. [C] Sulla distinzione fra il giudizio finale sull’anomalia dell’offerta, ed il procedimento di verifica dell’anomalia. [D] Principi giurisprudenziali sul procedimento di verifica dell’anomalia.
TAR Marche, Sezione I, 9 giugno 2020
[A] Sul principio di segretezza nelle gare pubbliche caratterizzate dalla separazione tra la fase di valutazione dell’offerta tecnica e quella di valutazione dell’offerta economica. [B] Se il principio di segretezza precluda qualsiasi commistione di elementi dell’offerta tecnica e di quella economica. [C] Sul criterio di calcolo del costo orario del personale in sede di verifica dell’anomalia dell’offerta. [D] Sullo scostamento dai parametri indicati nelle tabelle ministeriali.
TAR Veneto, Sezione III, 29 maggio 2020
[A] Se possa derogarsi al principio di derivazione comunitaria della necessaria trattazione del ricorso incidentale e principale. [B] Sull’entrata in vigore della disciplina abrogativa dell’art. 120, comma 2-bis, c.p.a. [C] Se il provvedimento di ammissione necessiti di specifica motivazione. [D] Sulla valutazione dell’irrogazione di penali contrattuali e di una precedente risoluzione ai fini dell’esclusione ai sensi dell’art. 80, comma c-ter, D. Lgs. n. 50/2016. [E] Se debba giustificarsi in sede di anomalia un utile esiguo. [F] Se possa sottrarsi il costo annuale per assenteismo a carico dell’Inps e dell’Inail dal costo medio annuo indicato dalla Tabella Ministeriale. [G] Sul lavoro supplementare e sui limiti in cui è ammesso. [H] Se debba escludersi l'offerta che presenti caratteristiche difformi da quelle minime richieste qualora la lex specialis non commini espressamente la sanzione espulsiva.
Consiglio di Stato, Sezione III, 29 maggio 2020
[A] Se alla luce giurisprudenza e della normativa comunitarie debba mantenersi fermo l’esame prioritario del ricorso incidentale finchè il ricorrente principale non contesti la decisione del Giudice che abbia disposto la sua esclusione. [B] Se la stazione appaltante debba dare specifica ed autonoma evidenza alla verifica dei costi della manodopera ai sensi dell’art. 95 comma 10 del D. Lgs 50/2016. [C] Sul metodo di selezione del confronto a coppie.
TAR Lazio RM, Sezione I ter, 25 maggio 2020
[A] Sul carattere globale della valutazione di anomalia dell’offerta. [B] Sul lavoro intermittente con particolare riguardo alle prestazioni non soggette ai limiti di età. [C] Sui limiti in cui sono consentite la modifica delle giustificazioni delle singole voci di costo e l'aggiustamento delle singole voci di costo.
TAR Campania NA, Sezione VII, 27 aprile 2020
[A] Sulla verifica facoltativa di anomalia dell’offerta ai sensi dell'art. 97, comma 6, del D. Lgs. n. 50/2016. [B] Sull’idoneità del voto sinteticamente espresso in forma numerica. [C] Se sia sufficiente l’indicazione di un unico punteggio numerico complessivo riferito a ciascuna delle offerte. [D] Sulla domanda di risarcimento del danno in forma specifica o per equivalente a fronte della riedizione del potere amministrativo.
Consiglio di Stato, Sezione II, 17 aprile 2020
[A] Sull’overruling in materia di appalti pubblici. [B] Se la proposizione della domanda di verifica triennale presso la SOA permetta alle imprese di partecipare alle gare indette nelle more della procedura di verifica. [C] Su quale sia il momento rilevante ai fini del possesso del requisito di qualificazione. [D] Sull’onere motivazionale in caso di valutazione di congruità dell'offerta anomala.
TAR Lazio RM, Sezione II, 16 aprile 2020
[A] Se sia legittimo il bando di gara che determina il costo del lavoro in base alle Tabelle ministeriali del 2013 e non al CCNL - Cooperative Sociali del 2019. [B] Se il divieto di cui all’art. 95, comma 14 bis, D. Lgs. 50/2016, si applichi anche agli appalti di servizi. [C] Se sia legittima la previsione che non consente ai concorrenti di essere aggiudicatari di più di un lotto, sia se partecipino singolarmente, sia se concorrano in RTI ovvero in forma consortile.
TAR Sardegna, Sezione II, 3 aprile 2020
[A] Se gli enti mutualistici debbano indicare un utile di impresa. [B] Su il tasso INAIL e l’IRAP quali componenti del costo del lavoro tabellare. [C] Se l’impossibilità di giustificare i ribassi sui costi salariali riguardi anche i riferimenti tabellari. [D] Se possa essere disatteso il numero delle “ore lavorate” previsto nelle Tabelle ministeriali. [E] Sull’interpretazione della clausola sociale.
Consiglio di Stato, Sezione V, 27 marzo 2020.
[A] Sulla giurisprudenza comunitaria in materia di soccorso istruttorio relativo ad elementi dell’offerta. [B] Sull’onere della prova in ordine all’equivalenza dell’offerta. [C] Se il procedimento di verifica dell'anomalia debba necessariamente risolversi in un'unica fase.
TAR Lazio RM, Sezione III, 18 marzo 2020
[A] Sui presupposti di applicazione del rito cd. “specialissimo” di cui ai commi 2-bis e 6-bis del citato articolo 120 c.p.a. [B] Principi giurisprudenziali sull’anomalia dell’offerta. [C] Sul possesso dei requisiti in misura maggioritaria da parte della mandataria nei raggruppamenti di tipo misto.
TAR Lombardia BS, Sezione I, 9 marzo 2020
[A] Se la presentazione della garanzia provvisoria solo per la mandataria e non anche per la mandante comporti l’esclusione dalla gara. [B] Se le dichiarazioni del legale rappresentante riferite ai soggetti investiti di poteri gestionali soddisfino l’obbligo informativo minimo. [C] Se il D. Lgs. 50/2016 preveda una competenza esclusiva del RUP con riguardo alla verifica di anomalia. [D] Ancora sulla distinzione fra i minimi previsti salariali ed il costo orario medio riportato nelle tabelle ministeriali e su alcuni costi derogabili. [E] Sul principio di rotazione.
TAR Veneto, Sezione III, 3 marzo 2020
[A] Se la stazione appaltante possa chiedere chiarimenti sul contenuto dell’offerta. [B] Sulla distinzione tra minimi salariali e costo orario medio del lavoro risultante dalle tabelle ministeriali. [C] Se sia legittima l’offerta che indichi un’aliquota IVA superiore rispetto a quella di legge. [D] Quando si determina l’effetto “escludente” per violazione dell’art. 95 comma 10, D. Lgs. n. 50 del 2016. [E] Se sia affidabile l'offerta in cui l'utile si riduce notevolmente.
Consiglio di Stato, Sezione V, 9 marzo 2020
[A] Se sussista l’obbligo di comunicare l’avvio del sub-procedimento di verifica dell’anomalia agli altri concorrenti. [B] Sull’organo competente a procedere alla verifica dell’anomalia dell’offerta. [C] Se il RUP nella valutazione dell’anomalia debba avvalersi della Commissione giudicatrice. [D] Se debba essere comunque esclusa l’offerta priva di sottoscrizione.
TAR Marche, Sezione I, 2 marzo 2020
[A] Se l’omessa previsione di sub-criteri di valutazione costituisca motivo di illegittimità della legge di gara. [B] Se sia legittima l’aggiudicazione ad un’impresa che ha dichiarato di non avvalersi del subappalto indicando poi nell’offerta tecnica il subappalto di alcune prestazioni. [C] Se possa giustificarsi l’anomalia dell'offerta con il ricorso al subappalto. [D] Sul danno da perdita di chance qualora sia accertata l’illegittimità del giudizio positivo di anomalia e della valutazione dell’offerta tecnica. [E] Sulla quantificazione del risarcimento del danno in via equitativa in caso di partecipazione alla gara di due concorrenti. [F] Aliunde perceptum nella determinazione del risarcimento del danno. [G] Se la somma dovuta a titolo di risarcimento del danno sia un debito di valuta o di valore.
Consiglio di Stato, Sezione V, 24 febbraio 2020
[A] Sull’organo competente alla verifica dell’anomalia dell’offerta e se si tratti di competenza inderogabile. [B] Se per il costo orario del personale da dimostrare in sede di verifica dell’anomalia dell’offerta vada assunto a criterio di calcolo il monte-ore teorico o il costo ore lavorate effettive.
TAR Sicilia CT, Sezione IV, 12 febbraio 2020
[A] Principi giurisprudenziali sul giudizio di verifica dell'anomalia dell'offerta. [B] Se nel costo del lavoro delle cooperative sociali debba conteggiarsi l'IRAP. [C] Se con riferimento alle cooperative sia ammissibile un'offerta con utile pari a zero.
TAR Lazio RM, Sezione I quater, 12 febbraio 2020
[A] Se l’indicazione delle qualifiche del personale nell'offerta tecnica e non, come prescritto dalla lex specialis, nel Modello di offerta economica, determini l'esclusione del concorrente. [B] Sull'organo competente alla verifica dell’anomalia dell'offerta.
TAR Campania SA, Sezione I, 12 febbraio 2020
[A] Sulla funzione dei soci volontari e dei tirocinanti della cooperativa sociale ai fini della determinazione del costo della manodopera. [B] Ancora sullo scostamento dalle tabelle ministeriali del costo del lavoro indicato dal concorrente. [C] Se in sede di verifica dell'anomalia sia consentita la modifica delle giustificazioni delle singole voci di costo rispetto alle giustificazioni già fornite.
TAR Lazio RM, Sezione I bis, 14 febbraio 2020
[A] Sulla competenza territoriale del TAR in caso di gara suddivisa in lotti. [B] Se la procura apposta in calce abbia natura di mandato speciale. [C] Se il mancato rispetto degli obblighi in materia ambientale di cui all’art. 30, comma 3, D. Lgs. 50/2016, determini l’esclusione automatica del concorrente. [D] Se sia ammissibile la modifica dei costi della manodopera in corso di gara e in sede di verifica dell’anomalia. [E] Sulla competenza dei membri della Commissione giudicatrice.
TAR Lazio RM, Sezione II ter, 10 febbraio 2020
[A] Principi giurisprudenziali in tema di valutazione dell’anomalia dell’offerta. [B] Se le carenze in ordine alle referenze bancarie siano suscettibili di soccorso istruttorio. [C] Se il termine assegnato ai fini del soccorso istruttorio ai sensi dell’art. 83, comma 9, D. Lgs. n. 50/2016 sia perentorio.
Consiglio di Stato, Sezione V, 27 gennaio 2020
[A] Se la stazione appaltante possa richiedere chiarimenti sull’offerta tecnica del concorrente. [B] Principi giurisprudenziali in tema di valutazione dell’anomalia dell’offerta.
TAR Lombardia BS, Sezione I, 24 gennaio 2020
[A] Se sia legittimato a ricorrere contro gli atti di gara il concorrente escluso che abbia impugnato la propria esclusione. [B] Sullo scostamento dalle tabelle ministeriali con particolare riguardo al dato delle ore annue mediamente lavorate dal personale.
Consiglio di Stato, Sezione V, 24 gennaio 2020
[A] Sui criteri di interpretazione delle clausole del bando di gara. [B] Sulle differenze tra il subappalto e le ipotesi di cui all’art. 105, comma terzo, lett. c- bis, D. Lgs. 50/2016. [C] Principi giurisprudenziali in materia di verifica di congruità dell’offerta.
TAR Marche, Sezione I, 15 gennaio 2020
[A] Se l’annullamento giurisdizionale dell’esclusione del ricorrente per anomalia dell’offerta comporti l’automatica aggiudicazione in suo favore. [B] Sulla sorte del provvedimento di aggiudicazione al controinteressato nel caso in cui il riesame si concluda con un giudizio di congruità dell’offerta.
Consiglio di Stato, Sezione V, 16 gennaio 2020
[A] Se siano consentite giustificazioni sopravvenute e compensazioni tra sottostime e sovrastime nel sub-procedimento di verifica dell'anomalia dell'offerta. [B] Se sia suscettibile di avvalimento la disponibilità di un centro cottura. [C] Se sia ravvisabile la violazione dell’art. 89, comma 8, D. Lgs. 50/2016 per il fatto che all’ausiliaria sia affidata una quota preponderante delle attività oggetto dell’appalto. [D] Se sia previsto un limite quantitativo alle prestazioni eseguite dall’ausiliario come nel caso del subappalto vero e proprio. [E] Sull’interpretazione delle clausole sociali.
TAR Abruzzo PE, Sezione I, 15 gennaio 2020
[A] Se ai fini dell'ammissibilità dell'impugnativa sia sufficiente l'interesse strumentale del concorrente ad ottenere la riedizione dell'intera gara [B] Se abbia interesse a contestare la violazione dell'art. 51 D. Lgs. 50/2016 la società non appartenente alle imprese di minori dimensioni (PMI). [C] Se il verbale di gara abbia natura di atto pubblico. [D] Sui presupposti per l'applicazione del rito c.d. super-accelerato di cui agli artt. 120, comma 2-bis, c. p. a. e 29 D. Lgs. 50/2016. [E] Se l’obbligo dichiarativo ai sensi dell’art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. 50/2016 sussista unicamente laddove la vicenda abbia dato luogo a iscrizione nel casellario ANAC e se possa riguardare la sola richiesta di rinvio a giudizio. [F] Se gli elementi rilevanti ai fini dell’operatività dell’art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. 50/2016 possano essere desunti anche da fatti oggetto di un procedimento penale. [G] Se il punteggio da considerare ai fini dell’anomalia sia quello assegnato prima o dopo la riparametrazione. [H] Sull’emendabilità dell’errore materiale dell’offerta.
TAR Lombardia MI, Sezione IV, 10 gennaio 2020
[A] Ancora sulla tempestività del ricorso contro l’ammissione di altro concorrente divenuta definitiva ai sensi dell’art. 120, comma 2 bis, c.p.a., proposto dopo l’abrogazione di detta norma. [B] Se siano sanabili mediante soccorso istruttorio le omissioni dichiarative. [C] Se la ricorrente debba provare in giudizio la congruità della propria offerta per poter contestare quella dell’avversaria. [D] Se sia corretto in sede di verifica di congruità raffrontare tra loro le offerte in gara.
Consiglio di Stato, Sezione V, 7 gennaio 2020
[A] Sull’interesse a ricorrere della terza classificata. [B] Se la terza classificata sia legittimata a contestare la mancata valutazione dell’anomalia dell’offerta dei concorrenti collocati in posizione potiore. [C] Se la natura volontaria del lavoro straordinario (così come di quello supplementare) incida sulla sostenibilità dell’offerta. [D] Sulla rilevanza dello scostamento dalle tabelle ministeriali ai fini dell’anomalia dell’offerta. [E] Sulla composizione dei membri della Commissione giudicatrice.
TAR Campania SA, Sezione I, 20 dicembre 2019
[A] Sul momento in cui deve essere effettuata la verifica di anomalia dell’offerta. [B] Se possa procedersi alla verifica dell’anomalia dopo la riparametrazione in mancanza di un’espressa previsione in tal senso del bando di gara. [C] Sulle ipotesi in cui scatta la verifica dell’anomalia dell’offerta.
T.A.R. Lazio RM, Sezione II bis, 23 dicembre 2019
[A] Sul contratto di apprendistato ai fini della valutazione dell'anomalia dell'offerta. [B] Sul principio di immodificabilità dell’offerta economica ex art. 83, comma 9, D. Lgs. n. 50 dal 2016. [C] Sull'abrogazione del rito c.d. “superaccelerato” disciplinato dall’art. 120, co. 2-bis e 6-bis, c.p.a. [D] Sulle categorie scorporabili “a qualificazione non obbligatoria” ai sensi dell’art. 92, commi 3 e 7 del D.P.R. n. 207 del 2010 in relazione alla partecipazione alla gara di appalto. [E] Sulla definitività dell'accertamento tributario contestato con l'avviso bonario ex art. 36 bis del D.P.R. n. 600 del 1973.
Consiglio di Stato, Sezione VI, 4 dicembre 2019
[A] Sul costo medio del lavoro indicato nelle tabelle ministeriali. [B] Se tutte le voci di costo indicate nelle tabelle ministeriali siano a carico delle imprese. [C] Se possa desumersi il tasso di assenteismo dal dato storico aziendale del concorrente anche in presenza della clausola sociale. [D] Sulla differenza tra le ore di lavoro indicate nell’offerta e le ore “contrattuali” del personale impiegato. [E] Se ai fini della congruità dell’offerta possa avere rilievo l’indicazione di ore di lavoro supplementari.
TAR Emilia Romagna BO, Sezione Seconda, 3 dicembre 2019
[A] Sull’orientamento giurisprudenziale in materia di oneri per la sicurezza aziendale e di costo della manodopera. [B] Se i valori riportati nelle tabelle ministeriali corrispondano a quelli dei contratti collettivi. [C] Se lo scostamento dalle tabelle ministeriali giustifichi l’esclusione del concorrente. [D] Sull’obbligo motivazionale gravante sull’Amministrazione in caso di giudizio negativo o positivo di congruità dell’offerta. [E] Sulla prova di resistenza in materia di controversie aventi ad oggetto selezioni pubbliche.
TAR Toscana, Sezione I, 27 novembre 2019
[A] Se nell’ambito della valutazione dell’anomalia dell’offerta gli indici “storici” del concorrente possano giustificare lo scostamento dalle tabelle ministeriali. [B] Se sia possibile la compensazione con l’utile di impresa e con le spese generali per rimediare alle omissioni delle giustificazioni della non anomalia dell’offerta.
T.A.R. Campania SA, Sezione I, 20 novembre 2019.
[A] Sui limiti del sindacato giurisdizionale in ordine alla valutazione delle offerte e sull'onere probatorio del ricorrente. [B] Se l'istanza di rinnovo della SOA in scadenza sia idonea a garantire la continuità del possesso dei requisiti speciali di partecipazione. [C] Se siano ammissibili scostamenti dell'offerta rispetto alle tabelle ministeriali di cui all'art. 23, comma 16, del D. Lgs. n. 50/2016 ed ai trattamenti salariali minimi inderogabili di cui all'art. 97, comma 6, del medesimo D. Lgs. n. 50/2016.
T.A.R. Lazio RM, Sezione III, 25 novembre 2019
[A] Se sussista un onere di immediata impugnazione dei provvedimenti di ammissione ove la S.A. non abbia dato puntuale attuazione all’art. 29 D. Lgs. 50/2016. [B] Se debba riconoscersi autonomia all’aggiudicazione dei vari lotti affidati nell’ambito di una medesima gara. [C] Principi giurisprudenziali in materia di verifica dell’anomalia dell’offerta. [D] Se nel raggruppamento misto la mandataria debba possedere i requisiti in misura maggioritaria in ciascun sub-raggruppamento. [E] Se la facoltà di modifica relativa alle quote di esecuzione indicate ai sensi dell’art. 92, comma 2, D.P.R. 207/2010, possa sopperire al mancato rispetto, in sede di offerta, delle disposizioni in tema di partecipazione della capogruppo.
TAR Campania NA, Sezione I, 5 novembre 2019
[A] Se la riparametrazione delle offerte debba precedere o seguire la valutazione dell’anomalia. [B] La posizione dell’ANAC sull'argomento.
Consiglio di Stato, Sezione V, 13 novembre 2019
[A] Se negli appalti di servizi e forniture sia sufficiente che il raggruppamento possieda nel suo complesso il requisito di qualificazione richiesto. [B] Se negli appalti di servizi e forniture debba sussistere la necessaria corrispondenza tra la qualificazione di ciascuna impresa e la quota della prestazione di rispettiva pertinenza. [C] Se le linee-guida ANAC n. 2 del 2016 sui criteri di valutazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa abbiano o meno carattere vincolante per la stazione appaltante. [D] Se la stazione appaltante possa motivare il giudizio favorevole sulla non anomalia dell’offerta mediante il rinvio alle giustificazioni presentate dall’aggiudicataria. [E] Sull’organo della stazione appaltante competente a verificare dell’anomalia dell’offerta. [F] Sullo scostamento dell’offerta dalle tabelle ministeriali ai fini della valutazione dell’anomalia.
TAR Lazio RM, Sezione I quater, 6 novembre 2019
[A] Sull’interpretazione della lex specialis di gara che qualifica il costo della manodopera come "non soggetto a ribasso d'asta". [B] Sull’indicazione dell’utile ai fini dell’anomalia dell’offerta.
TAR Campania NA, Sezione I, 5 novembre 2019
[A] Se la riparametrazione delle offerte debba precedere o seguire la valutazione dell’anomalia. [B] La posizione dell’ANAC in argomento.
TAR Lazio RM, Sezione III quater, 2 settembre 2019
[A] Se la stazione appaltante possa imporre come requisito di partecipazione l’applicazione di un determinato contratto collettivo nazionale di lavoro. [B] Sul valore delle tabelle ministeriali nell’ambito del giudizio di anomalia dell’offerta. [C] Sulla natura e sul sindacato giurisdizionale del giudizio di anomalia dell’offerta.
TAR Campania NA, Sezione III, 19 agosto 2019
[A] Se sia ammissibile in sede di giustificazioni dell’offerta la modifica dei costi della manodopera e degli oneri aziendali per la sicurezza. [B] Sui limiti di modificabilità delle giustificazioni.
Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione Sicilia, 16 agosto 2019
[A] Sull'applicabilità del rito super-speciale previsto dall'art. 120, comma 2 bis, c.p.a. [B] Se sia sufficiente perché possa parlarsi di conoscenza effettiva la presenza di un rappresentante dell’impresa nella seduta di gara avente ad oggetto l’ammissione della controinteressata. [C] Sulla definitività della violazione tributaria anche con riguardo alla direttiva 24/2014. [D] Se, a fronte di un avviso di accertamento definitivo, basti l’impugnazione della cartella di pagamento per invocare la non definitività dell'irregolarità. [E] Sulle conseguenze dell'illegittimità della mancata verifica di anomalia nei confornti dell'aggiudicatario.
TAR Lazio RM, Sezione II, 27 agosto 2019.
[A] Se in caso di esclusione automatica delle offerte ex art. 97, comma 8, D. Lgs. n. 50/2016 la stazione appaltante possa procedere alla valutazione di congruità di offerta ai sensi dell'art. 97, comma 6, dello stesso articolo. [B] Se la decisione della stazione appaltante di sottoporre l’offerta a verifica facoltativa di anomalia, ai sensi dell’articolo 97, comma 6, richieda un’espressa motivazione. [C] Sui caratteri del giudizio di anomalia delle offerte.
TAR Lazio RM, Sezione II, 2 settembre 2019
[A] Sulla decorrenza del termine di impugnazione dei provvedimenti di ammissione alla gara nella vigenza dell’articolo 120, comma 2-bis, c.p.a. [B] Se sia consentito alla stazione appaltante di valutare la sussistenza dei presupposti per il rilascio dell’attestazione di qualificazione. [C] Se ove si contesti la legittimità dell’attestazione di qualificazione sia necessario notificare il ricorso alla SOA che lo ha rilasciato. [D] Se la verifica ex art. 95, comma 10, D. Lgs. 50/2016 sia dovuta anche in caso di esclusione automatica delle offerte anomale ai sensi dell’articolo 97, comma 8.
T.A.R. Umbria, Sezione I, 7 agosto 2019
[A] Sulla legittimazione passiva della centrale di committenza [B] Sull’onere di motivazione del giudizio favorevole nell’ambito del procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta [C] Sulla tassatività delle giustificazioni che ai sensi dell’art. 97 D. Lgs. 50/2016 possono essere presentate nel procedimento di verifica dell’anomalia.
T.A.R. Piemonte, Sezione I, 25 luglio 2019
[A] Sulle fattispecie contrattuali non assoggettate all’onere di indicazione dei costi della manodopera ai sensi dell’art. 95, comma 10, D. Lgs. n. 50/2016 e, in particolare, sulla fornitura senza manodopera. [B] Sull'onere di indicazione dei costi della manodopera anche in difetto di espressa previsione del bando di gara. [C] Se possano considerarsi attività d’opera intellettuale l'installazione e l'aggiornamento del software delle macchine fornite, nonché quelle finalizzate alla loro connessione in rete. [D] Sulle ipotesi in cui, secondo la giurisprudenza comunitaria, è possibile sanare l’omissione dell'indicazione dei costi della manodopera con il soccorso istruttorio.
T.A.R. Campania NA, Sezione II, 25 giugno 2019
[A] Se debba essere esclusa dalla gara l’offerta sottoscritta solo in calce e non su ogni pagina. [B] Sulla necessità di giustificare l’offerta basata su un costo del lavoro inferiore ai livelli economici minimi per i lavoratori del settore. [C] Sull’ammissibilità del soccorso istruttorio per supplire a carenze dell’offerta.
Consiglio di Stato, Sezione V, 26 giugno 2019
[A] Se e quali condizioni il concorrente possa in sede di verifica dell’anomalia modificare le giustificazioni delle singole voci di costo rispetto alle giustificazioni già fornite: [B] la fattispecie esaminata dal Consiglio di Stato. [C] Se l’Amministrazione sia tenuta a specifica motivazione qualora reputi l’offerta congrua. [D] Principi giurisprudenziali sul procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta e sulla relativa valutazione della stazione appaltante.
T.A.R. Lombardia MI, Sezione IV, 21 giugno 2019
[A] Se il bando di gara possa prescrivere l’applicazione di un determinato CCNL e se il CCNL Multiservizi, sia utilizzabile negli appalti di raccolta e di smaltimento dei rifiuti. [B] Se la valutazione della congruità delle offerte spetti al RUP o alla commissione giudicatrice.
T.A.R. Lazio RM, Sezione II ter, 21 giugno 2019
[A] Sulla decorrenza del termine per l’impugnazione dei provvedimenti di ammissione ai sensi dell’art. 29 D. Lgs. 50/16. [B] Se sia legittimo il soccorso istruttorio per l’acquisizione dell’atto d’impegno dell’ausiliaria in relazione all’avvalimento di un requisito. [C] Se sia ammissibile l’avvalimento per le fasce di classificazione previste dal D.M. 274/97. [D] Se il notevole divario tra il costo della manodopera ed il costo aziendale della sicurezza rispetto a quello delle tabelle ministeriali imponga un approfondimento della stazione appaltante ex art. 97 comma 6, D. Lgs. n. 50/16.
T.A.R. Veneto, Sezione I, 26 giugno 2019.
[A] Sulla configurabilità dell'aggiudicatario provvisorio come controinteressato. [B] Se sia legittima alla luce dell'art. 40 D. Lgs. 50/2016 la lettera di invito che prescrive che la relazione con le giustificazioni dell’offerta deve essere contenuta in un plico cartaceo. [C] Sulle differenze tra il subprocedimento di verifica di anomalia e quello relativo alla verifica della documentazione relativa all'offerta.
T.A.R. Puglia LE, Sezione III, 18 giugno 2019
CONTRASTO GIURISPRUDENZIALE TRA IL TAR SALENTINO E QUELLO FIORENTINO SULL’ART. 95, COMMA 10. [A] Sull’orientamento del TAR Toscana in ordine al potere di verifica del costo della manodopera di cui all’art. 95, comma 10, D. Lgs. 50/2016. [B] Sul diverso orientamento del TAR Lecce riguardo a detto potere di verifica. [C] Se l’impresa sia ammessa a giustificare il costo minimo tabellare del personale. [D] Sulla valutazione della congruità dell’offerta.
Consiglio di Stato, Sezione III, 17 giugno 2019
[A] Sulla decorrenza del termine di impugnazione di cui all’art. 120, comma 2 bis, c.p.a., alla luce dell’orientamento della Corte UE. [B] Se l’omesso esercizio del diritto di accesso si rifletta sulla decorrenza di detto termine. [C] Sui requisiti di partecipazione delle imprese associate negli appalti di forniture e servizi in mancanza di una specifica determinazione nel bando di gara. [D] Sul sistema di qualificazione nel settore dei lavori pubblici e sulle differenze rispetto al settore delle forniture e servizi. [E] Principi giurisprudenziali sul sindacato giurisdizionale in tema di anomalia delle offerte.
T.A.R. Campania NA, Sezione VIII, 5 giugno 2019
[A] Sull'obbligo di verifica di anomalia in caso di offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell'art, 97, comma 3, D. Lgs. 50/2016. [B] Se le verifiche del superamento della soglia di sbarramento e di quella di anomalia debbano essere effettuate prima o dopo la riparametrazione del punteggio. [C] Sul sindacato giurisdizionale delle valutazioni della pubblica amministrazione. [D] Se sussista una soglia minima di utile al di sotto della quale l’offerta deve essere considerata anomala. [E] Se l’impresa aggiudicataria possa, al fine di giustificare la congruità dell’offerta, rimodulare le quantificazioni dei costi e dell’utile indicate inizialmente nell’offerta. [F] Se la verifica di anomalia possa essere effettuata attraverso un giudizio comparativo che coinvolga altre offerte.
T.A.R. Lombardia MI, Sezione I, 13 maggio 2019
A] Se la stazione appaltante abbia l’obbligo di procedere, prima della aggiudicazione ed a prescindere dalla valutazione di anomalia, di procedere alla verifica del rispetto della congruità del corso della manodopera ai sensi degli artt. 95, comma 10, e 97, comma 5, lett. d), D. Lgs. n. 50/2016. [B] Sui valori esposti nelle tabelle ministeriali rispetto a quelli dei contratti collettivi di lavoro e sulla possibilità di giustificare eventuali scostamenti.
Consiglio di Giustizia Amministrativa Regione Sicilia, 8 maggio 2019
[A] Se i concorrenti ad una procedura di appalto integrato debbano necessariamente indicare un geologo tra i progettisti e corredare l'offerta tecnica con la relazione geologica. [B] Principi giurisprudenziali consolidati sul sindacato giurisdizionale della valutazione dell’anomalia delle offerte.
T.A.R. Piemonte TO, Sezione I, 29 aprile 2019
[A] Sui limiti della clausola sociale rispetto alle esigenze organizzative dell’impresa subentrante. [B] Sulla motivazione della valutazione favorevole delle giustificazioni dell’offerta. [C] Se l’art. 95, comma 14 bis, del D. Lgs. 50 del 2016 sia applicabile agli appalti di servizi e sui criteri di attribuzione del punteggio per l’offerta tecnica con riguardo all’art. 95, commi 6 e 10 bis.
Consiglio di Stato, Sezione V, 3 maggio 2019
[A] Se l’affidamento ingenerato dai documenti di gara sulla insussistenza di un determinato obbligo precluda alla stazione appaltante di escludere il concorrente senza il previo esperimento del soccorso istruttorio. [B] Se nell’appalto a corpo abbiano rilevanza le voci che concorrono a formarlo. [C] Se sia ammissibile prescrivere a pena di esclusione l’indicazione dei costi delle varianti ai sensi dell’art. 95, comma 14, D. Lgs. 50/2016. [D] Sulla modificabilità delle giustificazioni dell’offerta. [E] Se, in applicazione del principio di equivalenza di cui all’art. 68 D. Lgs. 50/2016, debba essere privilegiata la conformità dei prodotti di tipo funzionale.
T.A.R. Lombardia BS, Sezione I, 23 aprile 2019
[A] Sui costi comuni a più appalti nell’ambito delle giustificazioni fornite in sede di procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta. [B] Sulla corretta imputazione delle spese generali. [C] Sulla necessità di un esiguo margine di utile nelle gare riservate alle cooperative sociali. [D] Sui limiti allo scostamento del costo del lavoro rispetto alle tabelle ministeriali.
T.A.R. Campania NA, Sezione II, 5 aprile 2019
[A] Se sia consentito in sede di giustificazioni dell’anomalia dell’offerta di modificare i costi della manodopera. [B] Sui limiti alla possibilità di procedere alla compensazione fra le voci dell’offerta per giustificarne l’anomalia.
T.A.R. Toscana, Sezione I, 3 aprile 2019
[A] Se debba considerarsi anomala l’offerta comprensiva della quota di lavoro straordinario. [B] Sulle variazioni della graduatoria che intervengono successivamente alla fase di ammissione, regolarizzazione o esclusione delle offerte. [C] Sul requisito di esperienza dei componenti le commissioni ai sensi dell’art. 77 del D. Lgs. 50/2016.
T.A.R. Piemonte, Sezione I, 18 marzo 2019
[A] La disciplina dell’impugnazione dei provvedimenti di ammissione ed esclusione deve essere interpretata in forza dell’ordinanza della Corte U.E. e del principio di effettiva conoscenza. [B] Sulle differenze tra avvalimento e subappalto e sull’applicabilità in via analogica del limite del 30%. [C] Sulla modificabilità delle voci di costo dell’offerta in sede di verifica dell’anomalia delle offerte e sul sindacato giurisdizionale in materia.
T.A.R. Lombardia BS, Sezione I, 19 marzo 2019
[A] Sulla decorrenza del termine di impugnazione dell’ammissione alla gara in caso di omessa pubblicazione ai sensi dell’art. 29 D. Lgs. 50/2016. [B] Principi giurisprudenziali sul sindacato giurisdizionale del giudizio di anomalia e delle giustificazioni dell’offerente. [C] Sull’individuazione dell’organo competente alla valutazione dell’anomalia, sull’interpretazione della lex specialis e sull’operatività del principio di eterointegrazione.
T.A.R. Sardegna, Sezione I, 6 marzo 2019
[A] Se sia legittimo imporre l’applicazione di un determinato contratto collettivo mediante la cd. clausola sociale. [B] Se possa considerarsi anomala l’offerta che indica un costo del lavoro inferiore a quello delle tabelle ministeriali. [C] Ancora sul sindacato giurisdizionale delle valutazioni sull’anomalia delle offerte. [D] Sulla modificabilità delle giustificazioni nell’ambito del procedimento di verifica di anomalia delle offerte.
Consiglio di Stato, Sezione V, 5 marzo 2019
[A] Sulla natura e sul sindacato giurisdizionale della valutazione di anomalia delle offerte. [B] Se sia configurabile una soglia di utile al di sotto della quale l’offerta è da considerarsi anomala. [C] Se l’aggiudicataria può e in quali limiti rimodulare gli elementi dell’offerta per giustificarne la congruità.
T.A.R. Molise, Sezione I, 4 marzo 2019
[A] Se il rito super-accelerato di cui all’art. 120, comma 2 bis, c.p.a. si applichi anche in relazione alle lacune dell’offerta economica. [B] Sulla rimessione alla Corte di Giustizia della disciplina nazionale per cui la mancata indicazione dei costi della manodopera e degli oneri per la sicurezza dei lavoratori comporta l'esclusione dalla gara, senza il beneficio del c.d. "soccorso istruttorio.
T.A.R. Lazio RM Sezione II quater, 22 febbraio 2019
[A] Sul contenuto necessario della richiesta di verifica di anomalia facoltativa. [B] Sull’onere di motivazione del giudizio di anomalia dell’offerta in caso di esito negativo [C] Se sia possibile integrare in giudizio la motivazione dell’esclusione del concorrente ritenuto anomalo.
T.A.R. Lazio RM, Sezione III, 14 febbraio 2019
[A] Sulla possibilità di emendare gli errori dell’offerta in sede di giustificazione dell’anomalia [B] Se la rettifica dell’offerta comporti la violazione dell’art. 83 del Decr. Lgs. 50/2016 in materia di soccorso istruttorio.
Consiglio di Stato, Sezione V, 18 febbraio 2019
[A] Sulla componente del costo del lavoro delle tabelle ministeriali da ritenersi inderogabile in sede di giustificazione dell’anomalia dell’offerta. [B] Sulla differenza fra soluzioni migliorative e varianti nella valutazione delle offerte secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. [C] Se sia da ritenersi valido il rating di legalità scaduto per il quale il concorrente abbia presentato istanza di rinnovo. [D] Sulle ipotesi in cui il punteggio numerico attribuito all’offerta tecnica non necessita di motivazione.
Consiglio di Stato, Sezione V, 5 febbraio 2019
[A] Sul sindacato giurisdizionale del giudizio di anomalia. [B] Sulla verifica facoltativa della congruità dell’offerta. [C] Sull’esclusione del concorrente la cui offerta sia stata ritenuta anomala.
T.A.R. Puglia LE, Sezione I, 11 febbraio 2019
Sul calcolo del taglio delle ali in caso di offerte con il medesimo ribasso.
T.A.R. Lombardia BS, Sezione I, 7 febbraio 2019
[A] Sulla tassatività o meno delle ipotesi previste dall’art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. n. 50/2016. [B] Sull’obbligo di motivazione della non esclusione di un concorrente. [C] Se la mancata indicazione della terna di subappaltatori sia suscettibile di soccorso istruttorio. [D] Sul principio di corrispondenza tra quote di partecipazione al raggruppamento e requisiti di qualificazione. [E] Sulla motivazione del giudizio positivo di anomalia.
Consiglio di Stato, Sezione III, 30 gennaio 2019
[A] Sulla corretta interpretazione della cd. clausola sociale. [B] Sull’incidenza della clausola sociale rispetto al numero stimato di unità da impiegare nell’appalto. [C] Sui limiti nella riduzione del monte ore stimato per l’esecuzione dell’appalto. [D] Sulla sussistenza o meno di una soglia minima di utile. [E] Sulla possibilità per l’aggiudicataria di rimodulare i costi e l’utile indicati inizialmente nell’offerta.
T.A.R. Toscana, Sezione II, 1° febbraio 2019
[A] Sul potere di verifica del costo del lavoro del concorrente prima dell’aggiudicazione ai sensi dell’art. 95, comma 10, D. Lgs. 50/2016. [B] Se sussista o meno l’obbligo di seguire il procedimento di cui all’art. 97 del Decr. Lgs. n. 50 del 2016 in sede di verifica ai sensi dell’art. 95, comma 10, D. Lgs. 50/2016.
Consiglio di Stato, Sezione V, 28 gennaio 2019
[A] Sulla diversità tra il procedimento obbligatorio e quello facoltativo di verifica dell’anomalia dell’offerta. [B] Sulla facoltà della Commissione di gara di avanzare ulteriori richieste istruttorie nell’ambito del procedimento di verifica dell’anomalia. [C] Sulla inderogabilità o meno dei costi orari stabiliti dalle tabelle ministeriali. [D] Sulla possibilità o meno di verificare la congruità di un’offerta sospetta di anomalia mediante un giudizio comparativo. [E] Sulla modificabilità dell’offerta e delle giustificazioni rese in sede di valutazione dell’anomalia dell’offerta. [F] Sulla possibilità o meno di attribuire un peso maggiore alla componente del prezzo nelle gare da affidare con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.
T.A.R. Lombardia MI, Sezione IV, 14 gennaio 2019
Sulle giustificazioni del concorrente nell’ambito del giudizio di anomalia dell’offerta ritenute inidonee.
T.A.R. Lombardia MI, Sezione I, 3 gennaio 2019
[A] Sull'ammissibilità o meno del soccorso istruttorio in relazione all'indicazione del costo della manodopera. [B] Sullo scopo della verifica di congruità. [C] Sull'ammissibilità o meno di aggiustamenti dell'offerta in sede di verifica di congruità. [D] Sulla possibilità o meno di ridurre l'utile esposto. [E] Sui limiti di correzione dell'errore materiale in sede di verifica di congruità.
Consiglio di Stato, Sezione III, 18 dicembre 2018
[A] Sulla necessità meno in caso di impugnazione del bando di gara di impugnare anche il provvedimento di esclusione e quello di aggiudicazione ad altro concorrente. [B] Sull’onere di produzione dei certificati di buona esecuzione. [C] Ancora sul sindacato giurisdizionale della valutazione sull’anomalia delle offerte.
T.A.R. Calabria Sezione Reggio Calabria, 12 dicembre 2018
[A] Sulla necessaria decorrenza o meno del termine di impugnazione dalla pubblicazione dell'elenco ex art. 29 D. Lgs. n. 50/2016. [B] Sull'applicabilità del rito super-accelerato ex art. 120, comma 2 bis, c.p.a. o di quello accelerato ex art. 120, commi 5 e 6, c.p.a. [C] Ancora sul giudizio di congruità delle offerte anomale. [D] Sulla percentuale di partecipazione della mandataria nei raggruppamenti misti.
T.A.R. Campania NA, Sezione I, 13 dicembre 2018
[A] Ancora sul giudizio relativo alla verifica di anomalia dell’offerta ed alle giustificazioni dei concorrenti e sul relativo sindacato giurisdizionale. [B] Ancora sullo scostamento del costo della manodopera dalle tabelle ministeriali e sull’onere gravante in capo al concorrente. [C] Sulla legittimità o meno del comportamento della stazione appaltante che applichi le tabelle ministeriali in luogo del CCNL e sull’onere gravante in capo al concorrente che intenda contestarlo.
T.A.R. Veneto, Sezione I, 3 dicembre 2018
Sulla possibilità o meno di modificare gli elementi dell’offerta mediante le giustificazioni in fase di verifica dell’anomalia.
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, 28 novembre 2018
Principi giurisprudenziali in materia di valutazione dell’anomalia delle offerte, con particolare riguardo al costo della manodopera.
T.A.R. Veneto, Sezione II, 16 novembre 2018
[A] Sul carattere dilatorio o perentorio del termine di cui all’art. 97, comma 5, Decr. Lgs. 50/2016. [B] Sul giudizio relativo all’anomalia delle offerte. [C] Sulla possibilità o meno di modificare le singole voci di costo rispetto alle giustificazioni già fornite
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, 19 novembre 2018
[A] Sull’applicabilità o meno dell’art. 77 Decr. Lgs. 50/2016 agli appalti “sotto soglia”. [B] Sull’obbligo o meno di attivare il procedimento di verifica dell’anomalia delle offerte di cui all’art. 97 Decr. Lgs. 50/2016 negli appalti “sotto soglia”. [C] Sulle novità del procedimento di verifica dell’anomalia delle offerte rispetto al regime previgente. [D] Ancora sulla possibilità o meno di discostarsi dai costi medi della manodopera fissati dalle tabelle ministeriali
T.A.R. Campania Salerno, Sezione I, 6 novembre 2018
[A] Sulla decorrenza del termine di impugnazione nel rito “super accelerato” previsto dall’art. 120, comma 2 bis, c.p.a. [B] Principi giurisprudenziali consolidati in materia di verifica dell’anomalia, del relativo sindacato giurisdizionale e di esame delle giustificazioni prodotte dai concorrenti
T.A.R. Sicilia Catania, Sezione I, 9 novembre 2018
[A] Sullo scostamento dalle tabelle ministeriali nel giudizio di anomalia delle offerte. [B] Sulla valutazione da parte della Commissione delle giustificazioni prodotte dai concorrenti. [C] Sulle giustificazioni ammissibili dell’offerta anomala. [D] Sui limiti del sindacato giurisdizionale della valutazione delle offerte tecniche da parte della Commissione
T.A.R. Sicilia Catania, Sezione III, 8 novembre 2018
[A] Quando un’offerta va considerata senz’altro anomala e sui caratteri del giudizio di anomalia. [B] Principi della Corte UE in materia di risarcimento del danno. [C] Sul risarcimento del danno da lucro cessante a titolo di mancato utile e di perdita del curriculum professionale.
Consiglio di Stato, Sezione III, 9 novembre 2018
[A] Principi in tema di valutazione dell’anomalia dell’offerta. [B] Sulla cd “clausola sociale”. [B] Sulla rilevanza dello scostamento del costo del lavoro dalle tabelle ministeriali
T.A.R. Veneto, Sezione I, 31 ottobre 2018
[A] Sull’incompatibilità dei commissari ai sensi dell’art. 77 del Decr. Lgs. n. 50 del 2016. [B] Sulla valutazione dell’anomalia delle offerte ai sensi dell’art. 97, comma 6, del Decr. Lgs. n. 50 del 2016.
TA.R. Lazio Roma, Sezione III, 6 novembre 2018
[A] Sul giudizio di anomalia dell’offerta e sui limiti del sindacato giurisdizionale. [B] Sull’impugnazione immediata o differita delle clausole del bando di gara. [C] Sull’assegnazione del punteggio previsto per il prezzo nelle gare con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa. [D] Sulla configurabilità del conflitto di interessi ai sensi dell’art. 42 del D Llgs. 50/2016.
T.A.R. Toscana, Sezione III, 17 ottobre 2018
[A] Sull'applicabilità o meno dell’art. 120, comma 2 bis, c.p.a alle caratteristiche dell’offerta. [B] Il giudizio favorevole di congruità dell'offerta anomala può rinviare alle giustificazioni dell’offerente? [C] Lo scostamento dalle tabelle ministeriali dà luogo ad anomalia? [D] Sull'onere di impugnazione immediata dell’atto di nomina della Commissione. [E] Sui limiti del sindacato sull'operato della Commissione di gara. ]F] La scadenza dell’offerta comporta la sua automatica decadenza? [G] Sul procedimento di verifica dell'anomalia finalizzato ad accertare l’attendibilità dell'offerta nel suo complesso. [H) Lo scostamento dalle tabelle ministeriali determina l'esclusione dalla gara?