Rivista sull'affidamento dei contratti pubblici. ISSN 2785-5597     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Giuseppe Gratteri  e  Avv. Gherardo Lombardi
T.A.R. Sicilia, Palermo, Sezione III, 9 giugno 2022

Cosa debba fare il concorrente ove la legge di gara chieda l’indicazione di una specifica marca, senza garantire la possibilità di offrire prodotti equivalenti, così come previsto dagli artt. 68 e 170 del D.lgs 50 del 2016.

Consiglio di Stato, Sezione V, 20 giugno 2022

Sull’ambito di applicazione del principio di equivalenza 

ANAC, Atto del Presidente, 13 aprile 2022

[A] Sull'utlizzo dell'espressione "o equivalente" prescritta dall'art. 68, comma 6 del D.lgs 50 del 2016 nel caso in cui si renda necessario menzionare o, comunque, fare riferimento ad una fabbricazione, una provenienza determinata oppure ad un procedimento particolare caratteristico dei prodotti o dei servizi forniti da un operatore economico specifico. [B] Sulla possibilità, in un appalto di lavori, di stabilire criteri di valutazione dell'offerta basati su requisiti soggetti dell'impresa relativi ad esprienze pregresse del concorrente.

Consiglio di Stato, Sezione IV, 21 aprile 2022

[A] Sui limiti delle soluzioni migliorative. [B] Se il principio di equivalenza operi rispetto a grandezze comuni che definiscono la tipologia del prodotto. [C] Sul principio di tassatività delle cause di esclusione. [D] Sul soccorso istruttorio in relazione all’offerta tecnica.

T.A.R. Campania, Sez. V, 8 marzo 2022

[A] Sull’operatività del principio di equivalenza nella disciplina dell’evidenza pubblica ex art. 68 del D.lgs. 50 del 2016. [B] Sulla possibilità per la Commissione giudicatrice, di cui all’art. 77 del D.lgs. 50 del 2016, di farsi coadiuvare da soggetti esterni.

T.A.R. Piemonte, Sezione I, 28 febbraio 2022

Sull'applicazione del principio di equivalenza funzionale da parte della commissione giudicatrice nella valutazione delle offerte. 

Consiglio di Stato, Sezione III, 12 ottobre 2021

[A] Sulla motivazione per relationem del giudizio di equivalenza. [B] Sul giudicato implicito ed esplicito. [C] Sul sindacato giurisdizionale della valutazione delle offerte e dell’attribuzione dei punteggi da parte della Commissione giudicatrice.

Tar Lazio RM, Sezione I Quater, 16 marzo 2021
[A] Se il principio di equivalenza si applichi indipendentemente da espressi richiami negli atti di gara o da parte dei concorrenti. [B] Se i concorrenti siano onerati di una apposita formale dichiarazione circa l’equivalenza funzionale del prodotto offerto. [C] Se l’omessa allegazione di una scheda tecnica inerente alla descrizione dei prodotti indicati nell’offerta definita “essenziale” dalla lex specialis legittimi l’immediata esclusione del concorrente. [D] Sull’ipotesi in cui la difformità dell’offerta rispetto alle caratteristiche tecniche previste nel capitolato di gara si risolva in un “aliud pro alio” idoneo a giustificare l’esclusione dalla selezione.
Consiglio di Stato, Sezione IV, 4 marzo 2021
[A] Sul principio di equivalenza e relative regole giurisprudenziali. [B] Sull’aliud pro alio idoneo a giustificare l’esclusione. [C] Sull’obbligo di trasparenza della stazione appaltante con particolare riguardo ai chiarimenti resi in sede di gara.
TAR Sardegna, Sezione I, 15 febbraio 2021
[A] Sul diritto di accesso difensivo ex art. art. 53 del D. Lgs. 50/2016. [B] Sul diritto di accesso in ordine a informazioni contenenti eventuali segreti tecnici o commerciali. [C] Sul principio di equivalenza in ordine agli appalti per la fornitura di medicinali e dispositivi medici. [D] Sulla competenza del RUP in ordine al soggetto cui affidare la verifica di anomalia dell’offerta. [E] Sulle valutazioni della Commissione in sede di verifica dell’anomalia dell’offerta.
Consiglio di Stato, Sezione III, 9 febbraio 2021
[A] Sul soccorso istruttorio procedimentale. [B] Sui presupposti del giudizio di equivalenza. [C] Se il giudizio di equivalenza possa essere espresso in forma implicita.
Consiglio di Stato, Sezione V, 30 dicembre 2020
[A] Sugli obbiettivi dell’art. 68 del D. Lgs. n. 50/2016. [B] Se la prova dell’equivalenza del prodotto offerto debba essere data in fase di gara.
Consiglio di Stato, Sezione VI, 25 novembre 2020
[A] Se l’esclusione di un’offerta non rispondente ai requisiti tecnici minimi violi il principio della tassatività delle cause di esclusione. [B] Se sia invocabile il principio di equivalenza rispetto ai requisiti tecnici minimi del prodotto.
TAR Toscana, Sezione III, 3 novembre 2020
[A] Sul margine di discrezionalità della stazione appaltante nella scelta dei criteri da utilizzare per l'individuazione dell'offerta economicamente più vantaggiosa. [B] Se sia ammissibile l’attribuzione del punteggio relativo al merito tecnico dell’offerta secondo il metodo on/off. [C] Se il principio di equivalenza presupponga la previsione di uno standard tecnico normativo.
TAR Sicilia CT, Sezione II, 21 settembre 2020
[A] Se la stazione appaltante possa ravvisare l'equivalenza in mancanza di una specifica indicazione dell'operatore [B] Sul sindacato giurisdizionale del giudizio di equivalenza. [C] Se l’assenza di un membro della commissione tecnica determini l'illegittimità delle operazioni valutative.
TAR Marche, Sezione I, 7 settembre 2020
[A] Se la monofasicità del sub-procedimento di verifica dell’anomalia rappresenti un obbligo. [B] Sulla discrezionalità della Stazione appaltante nell’esame delle giustificazioni prodotte dai concorrenti a dimostrazione della non anomalia della propria offerta. [C] Sulle ipotesi in cui l’offerta può ritenersi condizionata. [D] Se siano ammissibili modifiche dell’offerta in sede di giustificazioni. [E] Sul principio di equivalenza. [F] Sulla sindacabilità della scelta del criterio di determinazione del sub-punteggio relativo alla componente tecnica dell’offerta.
Consiglio di Stato, Sezione V, 10 agosto 2020
[A] Se la carenza dei requisiti di minima determini l’esclusione o sia suscettibile di sanatoria postuma. [B] Se sia applicabile il principio di equivalenza alle specifiche tecniche a carattere “condizionante”
Consiglio di Stato, Sezione III, 17 agosto 2020
[A] Sul principio di equivalenza. [B] Se l'art. 68, comma 7, del D. Lgs. n. 50 del 2016 oneri i concorrenti di un'apposita formale dichiarazione circa l'equivalenza funzionale del prodotto offerto. [C] Se possa invocarsi il principio di equivalenza in relazione ad prodotto difforme dalle specifiche tecniche indicate dalla stazione appaltante
Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Sicilia, 20 luglio 2020
[A] Sul principio di equivalenza delle offerte. [B] Se sia legittima della clausola che prescrive la campionatura del prodotto a pena di esclusione.
TAR Toscana, Sezione III, 18 giugno 2020
[[A] Sul criterio da privilegiare nell'interpretazione del bando di gara alla stregua dei principi di concorrenza e di tutela della par condicio. [B] Sul principio di equivalenza. [C] Sui limiti dei chiarimenti forniti dall'Amministrazione.
TAR Piemonte, Sezione I, 28 maggio 2020
[A] Sulla correlazione tra la tempestività della censura e la coltivazione degli strumenti di tutela offerti dall’ordinamento in vista della piena conoscenza degli atti. [B] Sull’applicazione del principio di equivalenza funzionale ai requisiti di ammissione e alle specifiche tecniche per l’attribuzione dei punteggi, qualora non sia stato previsto dalla lex specialis. [C] Se ai fini della fattispecie espulsiva di cui all’art. 80, comma 5, lett. c, D.Lgs. n. 50/2016, sia sufficiente una dichiarazione erronea o materialmente omessa.
TAR Lazio RM, Sezione III, 26 maggio 2020
[A] Sulla funzione del campione del prodotto. [B] Se il principio di tassatività delle cause di esclusione si applichi alle prescrizioni relative alla conformità dell’offerta alle prescrizioni tecniche. [C] Sulle ipotesi rientranti nelle clausole immediatamente escludenti.
Consiglio di Stato, Sezione V, 12 maggio 2020
[A] Ancora sull’esame dei ricorsi, principale e incidentale, reciprocamente escludenti. [B] Se l’aggiudicazione nelle more ad altra impresa utilmente collocata in graduatoria faccia venir meno l’interesse al ricorso. [C] Sulla differenza tra soluzioni migliorative e varianti. [D] Sull’ambito di applicazione del principio di equivalenza di cui all’art. 68 D. Lgs. n. 50 del 2016.
TAR Lazio RM, III Quater, 3 aprile 2020
Principi giurisprudenziali sul principio di equivalenza codificato dall’art. 68 del D. Lgs. n. 50/2016.
Consiglio di Stato, Sezione V, 27 marzo 2020.
[A] Sulla giurisprudenza comunitaria in materia di soccorso istruttorio relativo ad elementi dell’offerta. [B] Sull’onere della prova in ordine all’equivalenza dell’offerta. [C] Se il procedimento di verifica dell'anomalia debba necessariamente risolversi in un'unica fase.
TAR Puglia LE, Sezione III, 6 marzo 2020
[A] L’arresto dell’Adunanza Plenaria sulle clausole escludenti in stretto senso stretto e in senso ampliativo. [B] Se sia conforme al diritto comunitario la clausola del bando che consente di dimostrare l’equivalenza del prodotto in sede di consegna. [C] Se detta clausola sia escludente in senso ampliativo.
TAR Lazio RM, Sezione III quater, 30 dicembre 2019
[A] Sul giudizio di equivalenza ex art. 68 D. Lgs. n. 50/2016. [B] Se sia necessaria un’apposita dichiarazione circa l’equivalenza funzionale del prodotto offerto. [C] Se sia ammissibile la valutazione di equivalenza in forma implicita. [D] Sul sindacato giurisdizionale del giudizio di equivalenza.
TAR Piemonte, Sezione I, 11 novembre 2019
[A] Sulla portata dei chiarimenti della lex specialis forniti dalla stazione appaltante. [B] Sul sindacato giurisdizionale delle valutazioni delle offerte tecniche da parte delle commissioni di gara. [C] Se la stazione appaltante abbia un onere di attività di indagine in ordine all’eventuale equivalenza del prodotto non conforme alle specifiche tecniche. [D] Se la redazione ed approvazione del verbale debbano necessariamente avvenire al termine di ogni seduta.
TAR Lazio RM, Sezione III quater, 5 novembre 2019
[A] Sul giudizio di equivalenza dei prodotti offerti in gara ai sensi dell’art. 68 D. Lgs. 50/2016. [B] Se il giudizio di equivalenza richieda una specifica dichiarazione da parte del concorrente o se possa essere effettuato implicitamente dalla documentazione tecnica del prodotto. [C] Sulla motivazione degli atti di assenso.
Consiglio di Stato, Sezione III, 18 settembre 2019
[A] sui criteri di interpretazione del bando di gara. [B] Sul principio di equivalenza.
T.A.R. Veneto, Sezione III, 16 settembre 2019
[A] Sull’esclusione dalla gara dell’offerta che non rispetta le specifiche tecniche prescritte dalla lex specialis. [B] Sui presupposti per l’operatività del principio di equivalenza delle specifiche tecniche dell’offerta ex art. 68 D. Lgs. 50/2016.
Consiglio di Stato, Sezione III, 5 giugno 2019
[A] Se Il principio di equivalenza previsto dall’art. 68, comma 7, D. Lgs. 50/2016 si applichi sia ai requisiti di ammissione che alle specifiche tecniche per l’attribuzione dei punteggi. [B] Se in relazione al principio di equivalenza operi la regola dell'eterointegrazione del bando di gara.
Consiglio di Stato, Sezione V, 28 maggio 2019
[A] Se il provvedimento di esclusione per la difformità dell’offerta sia soggetto al rito super speciale ex art. 120, comma 2-bis, c.p.a o a quello speciale ex art. 120, comma 5, c.p.a. [B] Se l’equivalenza ad una data specifica tecnica ex art. 68 D. Lgs. 50/2016 debba essere dimostrata dall’offerente o dalla stazione appaltante. [C] Sulla non frazionabilità del servizio di punta.
T.A.R. Campania NA, Sezione V, 17 maggio 2019
[A] Sulle limitazione alla riedizione del potere amministrativo a seguito di “remand” cautelare. [B] Sulla natura del potere di verifica della stazione appaltante ai sensi dell'art. 68, comma 7, D. Lgs. n. 50 del 2016. [C] Se l’inadeguatezza del progetto legittimi l’esclusione dalla gara o la penalizzazione dell’offerta e [D] se il principio di tassatività delle cause di esclusione possa estendersi al giudizio di inidoneità dell’offerta tecnica. [E] Sul principio di tassatività delle cause di esclusione codificato dall’art. 83, comma 8, D. Lgs. n. 50/2016. [F] Sull’interpretazione in senso sostanziale del principio di equivalenza di cui all'art. 68, comma 7, D. Lgs. n. 50 del 2016.
Consiglio di Stato, Sezione V, 8 maggio 2019
[A] Se l’Amministrazione possa disapplicare le previsioni del bando di gara che risultino inopportunamente o incongruamente formulate. [B] Sul principio di equivalenza delle specifiche tecniche. [C] Se il principio di tipicità delle cause di esclusione operi anche per l’offerta tecnica difforme.
Consiglio di Stato, Sezione V, 3 maggio 2019
[A] Se l’affidamento ingenerato dai documenti di gara sulla insussistenza di un determinato obbligo precluda alla stazione appaltante di escludere il concorrente senza il previo esperimento del soccorso istruttorio. [B] Se nell’appalto a corpo abbiano rilevanza le voci che concorrono a formarlo. [C] Se sia ammissibile prescrivere a pena di esclusione l’indicazione dei costi delle varianti ai sensi dell’art. 95, comma 14, D. Lgs. 50/2016. [D] Sulla modificabilità delle giustificazioni dell’offerta. [E] Se, in applicazione del principio di equivalenza di cui all’art. 68 D. Lgs. 50/2016, debba essere privilegiata la conformità dei prodotti di tipo funzionale.
T.A.R. Piemonte, Sezione I, 1° febbraio 2019
Sull’applicabilità del principio di equivalenza tecnica qualora vengano prescritte dalla lex specialis caratteristiche tecniche minime del prodotto.
T.A.R. Lazo RM, Sezione I bis, 29 gennaio 2019
[A] Sull’ammissibilità dell’impugnativa congiunta dei provvedimenti di ammissione e di aggiudicazione e sul rito applicabile. [B] Sull’onere di impugnazione immediata del bando di gara. [C] Sull’interesse a ricorrere. [D] Sulle specifiche tecniche dell’appalto di cui all’art. 68 D. Lgs. n. 50/2016.
T.A.R. Umbria, Sezione I, 14 gennaio 2019
[A] Sul criterio da privilegiare nell’interpretazione del bando di gara. [B] Sui limiti di applicabilità del cd. “principio di equivalenza”. [C] Sulle specifiche tecniche dei prodotti contenute nel bando di gara.
T.A.R. Toscana, Sezione III, 15 gennaio 2019
[A] Sulla necessaria conformità dell’offerta alle caratteristiche tecniche della lex specialis. [B] Sulla possibilità o meno dell’Amministrazione di disapplicare il bando di gara. [C] Sul precetto di equivalenza delle specifiche tecniche.
Consiglio di Stato, Sezione III, 13 dicembre 2018
[A] Sull’equivalenza delle specifiche tecniche. [B] Sull’interpretazione delle offerte. [C] Sulla gestione telematica della gara.
TAR Lazio Roma, Sezione III quater, 3 dicembre 2018
[A] Sul carattere discrezionale o vincolato del giudizio di equivalenza sulle specifiche tecniche. [B] Sulla necessità o meno di una separata dichiarazione di equivalenza da allegare all’offerta.
Consiglio di Stato, Sezione III, 20 novembre 2018
[A] Sul principio di tassatività delle cause di esclusione. [B] Ancora sul principio di equivalenza nella valutazione delle offerte tecniche.
Consiglio di Stato, Sezione III, 20 novembre 2018
Sul principio di equivalenza in sede di valutazione delle offerte tecniche