Rivista sull'affidamento dei contratti pubblici. ISSN 2785-5597     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Giuseppe Gratteri  e  Avv. Gherardo Lombardi
Consiglio di Stato, Sezione III, 30 agosto 2022

[A] In merito al principio di equivalenza e le relative regole giurisprudenziali ai sensi dell’Art. 68 D.Lgs. N. 50/2016. [B] Sulle documentazioni o dichiarazioni non veritiere presentate dell'operatore economico in sede di gara ai sensi dell’art. 80 co. 5 lett. f-bis.

Consiglio di Stato, Sezione V, 17 giugno 2022

[A] Sulle tipologie commissive e omissive di gravi illeciti professionali. [B] Se l’onere informativo a carico del concorrente sia circoscritto alle notizie astrattamente idonee a porne in dubbio l’integrità o l’affidabilità. [C] Sull’obbligo in capo alla stazione appaltante di vagliare in concreto la gravità del precedente di cui è stata omessa la dichiarazione. 

Consiglio di Stato, Sezione IV, 14 giugno 2022

[A] Se la stazione appaltante che ritenga non rilevanti le pregresse vicende professionali debba motivare l’ammissione alla gara. [B] Se la pregressa vicenda professionale che appaia ictu oculi di particolare rilevanza imponga particolari oneri di motivazione. [C] Sul decorso del tempo dall’illecito professionale alla luce del principio di proporzionalità. [D] Se la stazione appaltante conservi un’autonoma sfera di discrezionalità in relazione ai fatti considerati causa di esclusione da un’altra stazione appaltante. [E] Se ai fini della decorrenza del termine triennale dell’illecito professionale rilevi la data del “fatto storico” o quella della qualificazione giuridica del fatto. [F] Se il concorrente sia tenuto a dichiarare le esclusioni comminate nei suoi confronti in precedenti gare per aver dichiarato circostanze non veritiere.

T.A.R. Campania, Napoli, Sez. I, 3 gennaio 2022

Sulla interpretazione dell’art. 80, comma 5 lett. f-bis) del D.lgs 50 del 2016

Consiglio di Stato, Sezione III, 1° giugno 2021

[A] Sull’obbligo di motivazione in caso di esclusione del concorrente per grave illecito professionale. [B] Sulla decorrenza del triennio previsto dall’art. 80, comma 10 bis, D. Lgs. n. 50/2016. [C] Sulle differenze fra reticenza dichiarativa, falsità dichiarativa o documentale e falsità risultante dal casellario informatico.

TAR Toscana, Sezione II, 28 gennaio 2021
[A] Sul rapporto di priorità fra ricorso principale e incidentale alla luce delle statuizioni comunitarie. [B] Sul procedimento di verifica sul possesso dei requisiti dichiarati dai concorrenti. [C] Sull’ambito di applicazione della lettera f-bis) e della lettera c-bis) dell’art. 80, comma 5, D. Lgs. n. 50/2016.
Consiglio di Stato, Sezione V, 8 gennaio 2021
[A] Sulla differenza della falsità dichiarativa di cui all’art. 80, comma 5, lett. c-bis), D. Lgs. 50/2016, rispetto a quella di cui alla successiva lettera f-bis). [B] Sull’ambito di applicazione dell’art. 80, comma 5, lett. c bis), D. Lgs. 50/2016 … [C] e della successiva lett.f-bis). [D] Se l’esclusione ai sensi dell’art. 80, comma 5, lett.f-bis), D. Lgs. 50/2016, postuli che il concorrente sia consapevole della falsità del documento.
TAR Lazio RM, Sezione III quater, 15 dicembre 2020
[A] Sull’insussistenza del meccanismo di automatismo espulsivo proprio del falso dichiarativo di cui alla lettera f-bis) in caso di omissioni dichiarative ex art. 80, comma 5, lettera c), D. Lgs. n. 50 del 2016. [B] Sull’ambito temporale di applicazione dell’abrogazione del rito “superaccelerato” di cui al previgente art. 120, comma 2-bis, c.p.a. [C] Se l’asserita illegittima composizione del seggio di gara sia soggetta ad impugnazione immediata. [D] Se l’utilizzo dei criteri on/off sia compatibile con la disciplina in materia di offerta economicamente più vantaggiosa. [E] Sulla discrezionalità della P.A. in ordine alla scelta dei criteri di valutazione delle offerte. [F] Sul computo del termine a disposizione per ricorrere avverso gli atti oggetto di ostensione documentale.
Consiglio di Stato, Sezione V, 17 novembre 2020
[A] Sull’entrata in vigore dell’abrogazione del rito super-speciale di cui all’art. 120, comma 2 bis, c.p.a. [B] Sulla valutazione operata dalla stazione appaltante circa l’unicità del centro decisionale. [C] Sul rapporto fra la lettera f-bis) e la lett. c) dell’art. 80, comma 5, D. Lgs. n. 50/2016 dopo l’arresto dell’Adunanza Plenaria.
TAR Toscana, Sezione III, 19 ottobre 2020
[A] Se il falso dichiarativo comporti l’esclusione automatica del concorrente. [B] Se debba ritenersi operante un limite temporale per le circostanze che possono dar luogo ad un grave illecito professionale rilevante ai sensi dell’art. 80, comma 5, lett. c-bis), D. Lgs. n. 50/2016.
Consiglio di Stato, Sezione V, 2 ottobre 2020
[A] Se l’art. 80, comma 3, D. Lgs. n. 50/2016, sia riferibile al socio unico persona giuridica. [B] Sulla rilevanza dell’affidamento ingenerato in capo ai concorrenti dal contenuto della legge di gara [C] Se il rinvio a giudizio non rientra tra le fattispecie di esclusione contemplate dall’art. 80, comma 1, D. Lgs. n. 50/2016. [D] Sui principi di diritto affermati dall’Adunanza Plenaria in materia di obblighi dichiarativi, con particolare riguardo alla falsità dichiarativa, ai sensi di cui alle lettere c) e f-bis del comma 5 dell’art. 80 del D. Lgs. n. 50/2016.
Consiglio di Stato, Adunanza Plenaria, 28 agosto 2020
[A] Sul concetto di falsità della dichiarazione. [B] Sulle ipotesi di falsità e di omissione di informazioni previste dall’art. 80, comma 5, lettera c) [ora c-bis)] D. Lgs. n. 50/2016 e sulla necessità della valutazione di integrità e affidabilità del concorrente. [C] Se la valutazione richiesta dalla lettera c) [ora c-bis)] dell’art. 80, comma 5, D. Lgs. n. 50/2016, possa essere rimessa al giudice amministrativo. [D] Sul carattere residuale dell’art. 80, comma 5, lettera f-bis), D. Lgs. n. 50/2016.
Consiglio di Stato, Sezione V, 6 luglio 2020
[A] Sulla differenza tra omissione e falsità dichiarativa rispettivamente previste dalle lettere c) [ora c-bis] e f-bis) dell’art. 80, comma 5, D. Lgs. n. 50/2016. [B] Se sussista a carico dei concorrenti l’obbligo di dichiarare i rinvii a giudizio dei propri amministratori.
TAR Toscana, Sezione III, 29 giugno 2020
[A] Se costituisca causa di esclusione l'omessa dichiarazione di penali contrattuali. [B] Se debba essere dichiarata la penale irrogata nei confronti di società che si è fusa per incorporazione in data successiva alla scadenza del termine di presentazione delle offerte. [C] Se l’esclusione patita in altra gara rilevi ai fini della partecipazione alla gara solo se inserita nel casellario informatico. [D] Se la transazione a seguito della risoluzione contrattuale integri il presupposto di cui all’art. 80, comma 5, lett. c ter, del D. Lgs. n. 50/2016. [E] Sulla rilevanza o meno della contestazione giudiziale dell’atto di risoluzione.
TAR Campania SA, Sezione I, 3 giugno 2020
[A] Se ai fini della definitività della pretesa tributaria rilevi l’impugnazione della cartella esattoriale. [B] Se l’omissione dichiarativa di fatti idonei a pregiudicare la professionalità dell’operatore comporti l’automatica esclusione o se sia necessario l’apprezzamento di rilevanza della stazione appaltante. [C] Sulle conseguenze derivanti dalla mancata dichiarazione del rinvio a giudizio del legale rappresentante del concorrente per bancarotta fraudolenta. [D] Se rilevino le che le condanne penali del legale rappresentante del concorrente per fatti ed in epoche in cui lo stesso era soggetto apicale di altra società.
TAR Calabria CZ, Sezione I, 22 maggio 2020
[A] Sull’obbligo dichiarativo di situazioni potenzialmente rilevanti ai fini del possesso dei requisiti di ordine generale. [B] Sui mezzi di prova circa le violazioni in materia di sicurezza dei lavoratori. [C] Se con riferimento all’art. 80, comma 5, lett. a), D. Lgs. 50/2016 l’obbligo dichiarativo riguardi solo le notizie inserite nel Casellario Informatico. [D] Se ai fini della configurazione dell’illecito professionale rilevino solo le notizie nel Casellario Informatico. [E] Se nelle procedure di evidenza pubblica sia configurabile il c.d. falso innocuo.
Consiglio di Stato, Sezione V, 12 maggio 2020
[A] Sul differente regime delle dichiarazioni omesse, reticenti o false in relazione all’esclusione dalla gara. [B] Se la mancata dichiarazione di una precedente risoluzione contrattuale debba considerarsi falsa o reticente.
TAR Campania NA, Sezione VIII, 8 maggio 2020
[A] Sulle differenze tra le ipotesi di cui all’art. 80, comma 5, lett. c) e lett. f-bis), D. Lgs. n. 50/2016. [B] Se il rinvio a giudizio per fatti di grave rilevanza penale incida sulla moralità professionale e legittimi l’esclusione dalla gara. [C] Se la sentenza di patteggiamento sia soggetta all’obbligo dichiarativo.
Consiglio di Stato, Sezione III, 2 aprile 2020
[A] Se il sequestro preventivo rientri tra le cause di esclusione di cui all’art. 80, comma 4, D. Lgs. n. 50/2016. [B] Se il sequestro preventivo rientri tra le cause di esclusione di cui all’art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. n. 50/2016. [C] Se la mancata comunicazione di una indagine penale costituisca mendacio ai sensi dell’art. 80, comma 5 lett f-bis, D. Lgs. n. 50/2016. [D] Sulla modificazione soggettiva del raggruppamento ai sensi dell’art. 48, commi 17 e 18, D. Lgs. n. 50/2016. [E] Sul rapporto tra il divieto di modifica di cui all’art. 48, comma 9, D. Lgs. n. 50/2016 ed i casi di cui ai successivi commi 17 e 18.
TAR Campania NA, Sezione I, 26 marzo 2020
[A] Se ai fini dell’applicazione dell’art. 80, comma 5, della lett. f-bis), D. Lgs. 50/2016 rilevi l’elemento soggettivo. [B] Se possa disporsi l’annullamento d’ufficio dell’aggiudicazione in caso di sopravvenuta stipula del contratto. [C] Sulle differenze tra annullamento d’ufficio, recesso e revoca.
Consiglio di Stato, Sezione III, 5 marzo 2020
[A] Se l’omessa dichiarazione della irrogazione di penali contrattuali integri la violazione dei doveri professionali. [B] Se sussista per i concorrenti l’obbligo di dichiarare tutte le risoluzioni contrattuali. [C] Se tale obbligo sussista in costanza delle Linee guida ANAC n. 6 nella versione originaria.
Consiglio di Stato, Sezione III, 4 marzo 2020
[A] Sul concetto di “grave illecito professionale” e sull’obbligo informativo ai sensi dell’art. 80 D. Lgs. n. 50/2016. [B] Se il limite temporale dei tre anni previsto dall’art. 80, comma 10, D. Lgs. n. 50/2016 si applichi anche al potere di esclusione dell’operatore economico ai sensi del comma 5, lett. c, del medesimo art. 80. [C] Se sia invocabile il soccorso istruttorio allorquando il concorrente abbia omesso la dichiarazione di un episodio astrattamente rilevante ai fini della valutazione della propria affidabilità professionale. [D] Se l'estinzione del reato (che consente di non dichiarare l'emanazione del relativo provvedimento di condanna) si determini in modo automatico per il decorso del tempo. [E] Sul discrimen tra subappalto e subaffidamento. [F] Sull’automatismo escludente per la violazione dell’obbligo informativo sul subappaltatore alla luce del recente pronunciamento della Corte di Giustizia UE.
Consiglio di Stato, Sezione V, 17 febbraio 2020.
[A] Se ai fini della decorrenza del termine per impugnare l'altrui ammissione sia equipollente agli adempimenti pubblicitari di cui all’art. 29 D. Lgs. 50/2016 la presenza di un rappresentante dell’impresa concorrente alla seduta di gara in cui l’ammissione è stata disposta. [B] Sull'omessa dichiarazione da parte del concorrente di tutte le condanne penali eventualmente riportate e se assuma valore esimente l’attività di dissociazione con riferimento agli amministratori in carica al momento di presentazione della domanda di partecipazione. [C] Se ai fini della sussistenza della fattispecie di cui all’art. 80, comma 5, lett. f-bis, D. Lgs. 50/2016 rilevi l'elemento soggettivo e se trovi applicazione l'esimente del “falso innocuo”.
TAR Abruzzo PE, Sezione I, 15 gennaio 2020
[A] Se ai fini dell'ammissibilità dell'impugnativa sia sufficiente l'interesse strumentale del concorrente ad ottenere la riedizione dell'intera gara [B] Se abbia interesse a contestare la violazione dell'art. 51 D. Lgs. 50/2016 la società non appartenente alle imprese di minori dimensioni (PMI). [C] Se il verbale di gara abbia natura di atto pubblico. [D] Sui presupposti per l'applicazione del rito c.d. super-accelerato di cui agli artt. 120, comma 2-bis, c. p. a. e 29 D. Lgs. 50/2016. [E] Se l’obbligo dichiarativo ai sensi dell’art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. 50/2016 sussista unicamente laddove la vicenda abbia dato luogo a iscrizione nel casellario ANAC e se possa riguardare la sola richiesta di rinvio a giudizio. [F] Se gli elementi rilevanti ai fini dell’operatività dell’art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. 50/2016 possano essere desunti anche da fatti oggetto di un procedimento penale. [G] Se il punteggio da considerare ai fini dell’anomalia sia quello assegnato prima o dopo la riparametrazione. [H] Sull’emendabilità dell’errore materiale dell’offerta.
TAR Veneto, Sezione I, 13 gennaio 2020
[A] Sui provvedimenti di ammissione soggetti all’onere di immediata impugnazione ai sensi dell’abrogato art. 120, comma 2 bis, c.p.a. [B] Se il rinvio a giudizio possa costituire un grave illecito professionale. [C] Sulla causa di esclusione per dichiarazioni non veritiere ai sensi dell’ art. 80, comma 5, lett. f-bis), D. Lgs. 50/2016. [D] Sulle dichiarazioni circa le pregresse vicende professionali suscettibili di integrare “gravi illeciti professionali”.
Consiglio di Stato, Sezione V, 7 gennaio 2020
[A] Sull’ambito di applicazione dell’art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. 50/2016. [B] Se in caso di omessa dichiarazione sussista l’obbligo della stazione appaltante di vagliare la gravità del precedente di cui è stata omessa la dichiarazione. [C] Se in caso di omessa dichiarazione trovi applicazione l’istituto del falso innocuo.
Consiglio di Stato, Sezione V, 30 dicembre 2019
[A] Se sussista l’obbligo informativo ex art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. 50/2016 in caso di sentenza di condanna non reputata rilevante da parte della stazione appaltante. [B] Se sia configurabile la falsa dichiarazione ex art. 80, comma 5, lett. f bis), D. Lgs. 50/2016 quando manchi una valutazione dell’Amministrazione che ritenga la gravità del fatto pretermesso (precedente penale in materia di sicurezza sul lavoro ex art. 80, comma 5, lett. a), D. Lgs. 50/2016).
TAR Lombardia BS, Sezione Prima, 28 novembre 2019
[A] Sul rapporto tra l’obbligo dichiarativo ex art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. n. 50 del 2016. ed il termine triennale di cui al successivo comma 10. [B] Sull’obbligo dichiarativo previsto dall’art. 80, comma 5, D. Lgs. n. 50 del 2016. [C] Sull’art. 80, comma 5, lett. f bis), D. Lgs. n. 50 del 2016.
TAR Lombardia MI, Sezione I, 15 novembre 2019
[A] Se sia applicabile il limite temporale triennale di cui all'art. 80, comma 10, D. Lgs. 50/2016 alla potestà discrezionale di esclusione di cui all’art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. 50/2016. [B] Sulla latitudine dell'obbligo dichiarativo di cui all’art. 80, comma 5, lett. c), D. Lgs. 50/2016. [C] Se le annotazioni nel casellario Anac valgano di per sé sole ad integrare un obbligo di dichiarazione in capo al partecipante. [D] Sulla condotta di cui all’art. 80, comma 5, alla lett. f-bis), D. Lgs. 50/2016
Consiglio di Stato, Sezione V, 12 novembre 2019
[A] Se la lett. f bis dell’art. 80, comma 5, D. Lgs. 50/2016, abbia carattere innovativo. [B] Se tra le condanne rilevanti ai sensi dell’art. 80, comma 3, D. Lgs. 50/2016, vadano incluse, oltre a quelle elencate ai commi 1 e 2, anche quelle comunque incidenti, ai sensi del comma 5, sull’affidabilità dell'impresa. [C] Se sia utilizzabile il soccorso istruttorio con riferimento a dichiarazioni mancanti. [D] Se l’esclusione da una gara postuli la previa comunicazione di avvio del procedimento.
Consiglio di Stato, Sezione V, 28 ottobre 2019
[A] Sulla decorrenza del termine di impugnazione dell’aggiudicazione. [B] Se la stazione appaltante abbia l’obbligo di consentire l’accesso nel termine di 15 giorni ex art. 76 D. Lgs. n. 50/2016 anche in caso di accesso “ordinario” ex art. 53 D. Lgs. n. 50/2016. [C] Sui mezzi di prova “adeguati" ai sensi dell’art. 80, comma 5, lett. a), D. Lgs. n. 50/2016. [D] Sulla falsa dichiarazione comportante l’esclusione dalla gara ai sensi dell’art. 80, comma 5, lett. f-bis), D. Lgs. n. 50/2016.