Rivista sull'affidamento dei contratti pubblici.ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Giuseppe Gratteri  e  Avv. Gherardo Lombardi
104.2010.Art. 42 (Ricorso incidentale e domande riconvenzionali)
TAR Toscana, Sezione II, 28 gennaio 2021
[A] Sul rapporto di priorità fra ricorso principale e incidentale alla luce delle statuizioni comunitarie. [B] Sul procedimento di verifica sul possesso dei requisiti dichiarati dai concorrenti. [C] Sull’ambito di applicazione della lettera f-bis) e della lettera c-bis) dell’art. 80, comma 5, D. Lgs. n. 50/2016.
TAR Veneto, Sezione II, 26 gennaio 2021
[A] Sulla necessità di esaminare il ricorso principale e quello incidentale in presenza di gravami incrociati escludenti. [B] Se l’Amministrazione appaltante possa legittimamente chiedere che i concorrenti abbiano svolto servizi identici a quello oggetto dell’appalto. [C] Sulla dimostrazione del pregresso svolgimento di servizi “simili” nell’ottica del rispetto del principio della massima partecipazione alle gare pubbliche. [D] Sull’onere dell’aggiudicataria di giustificare i propri costi del lavoro quando non siano coincidenti con quelli medi tabellari. [E] Sulle ipotesi in cui, con riferimento al costo del personale, sono previste l’inammissibilità dell’offerta o l’esclusione. [F] Sull’interpretazione del requisito di capacità tecnica e di partecipazione.
TAR Veneto, Sezione I, 4 gennaio 2021
[A] Se in caso di fondatezza del ricorso incidentale escludente il Giudice sia tenuto a pronunciarsi sul ricorso principale e se il ricorrente principale debba fornire prova dell’irregolarità delle offerte degli altri contraenti. [B] Principi giurisprudenziali sull’errore materiale dell’offerta. [C] Se i criteri ambientali minimi di cui al d.m. 25 luglio 2011 del 2011 si applichino per gruppi aggregati di prodotti o per singoli prodotti.
Consiglio di Stato, Sezione IV, 13 ottobre 2020
[A] Sul rapporto tra ricorso principale e ricorso incidentale secondo la giurisprudenza comunitaria. [B] L’ordo questionum tra ricorso principale e ricorso incidentale. [C] Se L’attribuzione dei punteggi per l’offerta tecnica costituisca atto discrezionale o vincolato
Cassazione civile, Sezioni Unite, 18 settembre 2020
[A] Se sia compatibile con l’ordinamento comunitario una prassi interpretativa che esclude il rimedio del ricorso per cassazione per impugnare sentenze del Consiglio di Stato confliggenti il diritto dell’Unione Europea (nella specie, in tema di aggiudicazione degli appalti pubblici). [B] Se sia compatibile con l’ordinamento comunitario una prassi interpretativa che esclude il rimedio del ricorso per cassazione per impugnare sentenze del Consiglio di Stato che omettano immotivatamente di effettuare il rinvio pregiudiziale alla Corte di giustizia. [C] Se sia compatibile con l’ordinamento comunitario una prassi giurisprudenziale nazionale secondo la quale l’impresa esclusa da una gara di appalto non sarebbe legittimata a proporre censure miranti a contestare l’aggiudicazione all’impresa concorrente, anche mediante la caducazione della procedura di gara.
TAR Liguria, Sezione II, 28 settembre 2020
[A] Sulla idoneità motivazionale del punteggio numerico espresso sui singoli oggetti di valutazione dell'offerta. [B] Sulla prova di resistenza quando i vizi dedotti attengono all’annullamento totale o parziale della procedura. [C] Sull'interesse strumentale alla rinnovazione della gara. [D] Sul sindacato giurisdizionale delle valutazioni della commissione giudicatrice. [E] Se l’identità delle valutazioni dei membri della commissione giudicatrice sia univocamente significativa del carattere collegiale della valutazione dell'offerta tecnica. [F] Se la genericità dei parametri valutativi sia sintomatica dell’eccesso di potere. [G] Se sia legittima la nomina dei commissari in assenza di criteri preventivamente determinati. [H] Se in caso di accoglimento del ricorso principale debba essere necessariamente esaminato anche il ricorso incidentale.
TAR Campania NA, Sezione I, 21 settembre 2020
[A] Sul rapporto tra ricorso principale e incidentale. [B] Se debba essere esaminato prioritariamente il ricorso principale o quello incidentale. [C] Sulla natura globale e sintetica del giudizio di anomalia. [D] Se sia ammissibile la modifica delle giustificazioni delle singole voci di costo, rispetto a quelle già fornite. [E] Sulla rilevanza degli errori ed omissioni riscontrati nel procedimento di valutazione di anomalia.
TAR Lazio RM, Sezione I Quater, 3 giugno 2020
[A] Se la presentazione di una domanda di concordato preventivo in bianco conclusasi negativamente integri la causa di esclusione di cui all’art. 80, comma 5, lett. b) del D. Lgs. n. 50 del 2016. [B] Se la definitività dell’accertamento tributario sia impedita dall’impugnazione della cartella esattoriale. [C] Se la giurisprudenza eurounitaria sul ricorso incidentale escludente sia applicabile laddove laddove la simultaneità dei ricorsi proposti dai concorrenti avverso la reciproca offerta non sussista.
TAR Veneto, Sezione III, 29 maggio 2020
[A] Se possa derogarsi al principio di derivazione comunitaria della necessaria trattazione del ricorso incidentale e principale. [B] Sull’entrata in vigore della disciplina abrogativa dell’art. 120, comma 2-bis, c.p.a. [C] Se il provvedimento di ammissione necessiti di specifica motivazione. [D] Sulla valutazione dell’irrogazione di penali contrattuali e di una precedente risoluzione ai fini dell’esclusione ai sensi dell’art. 80, comma c-ter, D. Lgs. n. 50/2016. [E] Se debba giustificarsi in sede di anomalia un utile esiguo. [F] Se possa sottrarsi il costo annuale per assenteismo a carico dell’Inps e dell’Inail dal costo medio annuo indicato dalla Tabella Ministeriale. [G] Sul lavoro supplementare e sui limiti in cui è ammesso. [H] Se debba escludersi l'offerta che presenti caratteristiche difformi da quelle minime richieste qualora la lex specialis non commini espressamente la sanzione espulsiva.
Consiglio di Stato, Sezione III, 29 maggio 2020
[A] Se alla luce giurisprudenza e della normativa comunitarie debba mantenersi fermo l’esame prioritario del ricorso incidentale finchè il ricorrente principale non contesti la decisione del Giudice che abbia disposto la sua esclusione. [B] Se la stazione appaltante debba dare specifica ed autonoma evidenza alla verifica dei costi della manodopera ai sensi dell’art. 95 comma 10 del D. Lgs 50/2016. [C] Sul metodo di selezione del confronto a coppie.
T.R.G.A. BZ, 4 febbraio 2020
[A] Se l’accoglimento del ricorso incidentale escludente precluda l’esame del ricorso principale. [B] Sul principio di tassatività delle cause di esclusione con riferimento ai requisiti minimi di carattere tecnico richiesti per la partecipazione. [C] Sulle soluzioni migliorative ammissibili nella gara con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. [D] Se un requisito tecnico minimo dell’offerta possa essere integrato successivamente all’aggiudicazione.
TAR Campania NA, Sezione III, 7 gennaio 2020
[A] Se debba essere esaminato il ricorso principale in caso di accoglimento del ricorso incidentale escludente. [B] Se il requisito del fatturato specifico sia acquisibile mediante avvalimento operativo o di garanzia. [C] Sulla sorte del contratto di avvalimento in violazione delle previsioni relative al requisito dell’esperienza professionale pertinente ed all’obbligo dell’ausiliaria di esecuzione diretta della prestazione. [D] Sulle conseguenze derivanti dall’accoglimento del ricorso principale e incidentale escludenti.
TAR Toscana, Sezione III, 30 ottobre 2019
[A] Sull’entrata in vigore della normativa che ha abrogato il rito c.d. “superaccelerato” disciplinato dall’art. 120 co. 2-bis e 6-bis c.p.a. [B] Sull’effetto “paralizzante” del ricorso incidentale secondo la più recente giurisprudenza della Corte UE. [C] Se per gli affidamenti di servizi e forniture sussista una necessaria corrispondenza tra requisiti di qualificazione, quote di prestazione e quote di esecuzione riferibili ai componenti un raggruppamento. [D] Se l’avvalimento c.d. “operativo” possa riferirsi anche al possesso del fatturato specifico.