Rivista sull'affidamento dei contratti pubblici. ISSN 2785-5597     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Giuseppe Gratteri  e  Avv. Gherardo Lombardi
ANAC, Parere funzione consultiva, 6 settembre 2022

[A] Sulla disciplina della revisione prezzi relativa agli appalti di servizi e forniture. [B] Se la disciplina di cui all'art. 1664 c.c.. possa trovare applicazione nella esecuzione dei contratti di appalto di servizi e forniture. [C] In merito alla possibilità di introdurre clausole di indicizzazione attraverso l'applicazione dell'istituto della revisione dei prezzi, negli appalti di servizi e forniture.

Corte dei Conti, Sezione giurisdizionale, Umbria, 29 agosto 2022

[A] Sulle modalità che devono essere seguite dal RUP per autorizzare le modifiche dei contratti in corso di esecuzione, ai sensi dell’art. 106 del D.lgs. 50 del 2016. [B] Cosa accada al termine di consegna ed alla penale da ritardo pattuiti nel contratto se, nel corso dell'esecuzione, il committente ha richiesto all'appaltatore notevoli e importanti variazioni del progetto.

Ministero infrastrutture e mobilità sostenibili, Decreto del 13 luglio 2022

Linee Guida per la determinazione dei prezzari di cui all'articolo 23 del D.lgs. n. 50/2016.

T.A.R. Lombardia, Milano, Sezione II, 10 giugno 2022

Sulla possibilità da parte dell'impresa aggiudicataria di avanzare, prima della stipula del contratto, istanza di revisione del prezzo.

ANAC, Delibera dell'11 maggio 2022

[A] Sulla qualificazione delle misure di lock-down in Cina e della situazione bellica in Ucraina come cause di forza maggiore. [B] Sui rimedi a disposizione delle Amministrazioni. [C] Sugli obblighi informativi a carico dei fornitori. [D] Sulle raccomandazioni relative ai nuovi contratti ed ai contratti in corso.

T.A.R. Campania, Napoli, Sezione I, 11 maggio 2022

Sul regime di proroga dei contratti pubblici, ai sensi dell’art. 106, comma 11 del D.lgs 50 del 2016.

Consiglio di Stato, Sezione III, 27 aprile 2022

Sulla differenza tra proroga e rinnovo e se in caso di rinnovo spetti la revisione prezzi 

Ministero infrastrutture e mobilità sostenibili, Decreto del 5 aprile 2022

Compensazione dei prezzi dei materiali da costruzione: il decreto del MIMS.

 

 

Ministero Infrastrutture e Trasporti, Quesito, Risposta.

Sulla possibilità di stipulare il contratto essendo in atto la proroga tecnica.

Corte costituzionale, 8 marzo 2022

Sulla questione di legittimità costituzionale degli artt. 105 e 146 del D.lgs 50 del 2016 nella parte in cui non prevedono un divieto di subappalto nel settore dei beni culturali, contrariamente alla disciplina dell’avvalimento, di cui all’art. 146, comma 3 del D.lgs 50 del 2016.

Consiglio di Stato, Sezione IV, 4 aprile 2022

[A] Se la normativa europea in materia di appalti dei settori speciali si applichi solo agli appalti direttamente afferenti alle attività proprie dei settori speciali o anche a quelli strumentali a tali attività. [B] Se la disciplina sulla revisione prezzi abbia carattere speciale rispetto all’art. 1664 c.c. [C] Se la disciplina euro-unitaria osti all’esclusione della revisione prezzi negli appalti dei settori speciali. [D] Se il rinvio della trattazione della causa da parte del giudice consenta nelle ulteriori difese scritte la formulazione di richieste prima non svolte. [E] Se possa farsi luogo a revisione dei prezzi qualora questa non sia stabilita nella lex specialis.

TAR Lombardia Brescia, Sezione I, 10 marzo 2022

[A] Sulla giurisdizione esclusiva del g.a. nelle controversie in materia di revisione prezzi. [B] Se debba inserirsi nei bandi di gara la clausola di revisione periodica del prezzo. [C] Sui mezzi di tutela dell’appaltatore in caso di esclusione della revisione del prezzo qualora si verifichi un aumento esorbitante dei costi del servizio. [D] Se sia ammissibile l'istanza di revisione del prezzo prima della stipulazione del contratto.

T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, 8 febbraio 2022

Se la Stazione appaltante possa determinare la prosecuzione del servizio in regime di proroga secondo le condizioni economiche originarie, pur di fronte al dissenso manifestato da parte del soggetto affidatario.

T.A.R. Puglia, Bari, Sez. III, 3 marzo 2022

Sulle condizioni in presenza delle quali è consentito il ricorso alla proroga tecnica. 

Consiglio di Stato, Sezione V, 8 novembre 2021

[A] Se la revoca della dichiarazione di pubblico interesse ex art. 183, comma 15, D. Lgs. n. 50/2016 debba essere motivato. [B] Se la modifica del promotore sia ammissibile solo nelle ipotesi di composizione plurisoggettiva. [C] Se in costanza del D. Lgs. n. 50/2016 l’affittuario di azienda possa utilizzare i requisiti di natura tecnica collegati all’azienda affittata.

Consiglio di Stato, Sezione III, 6 settembre 2021

[A] Se sia valida l’offerta presentata dalla società incorporata o fusa. [B] Sul ridimensionamento del principio di immodificabilità soggettiva dell'offerente.

T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Trieste, Sez. I, 7 luglio 2021

Se la clausola di revisione periodica del prezzo comporti il diritto all’automatico aggiornamento del corrispettivo contrattuale.

C.G.A.R.S., 19 febbraio 2021
[A] Sulla legittimazione ad agire in giudizio della singola impresa in associazione. [B] Se sia legittimata ad agire l’impresa colpita da interdittiva antimafia. [C] Sugli effetti della condanna ad un facere specifico. [D] Sulla discrezionalità della Stazione appaltante in merito all’istituto della revisione prezzi.
TRGA BZ, 12 febbraio 2021
[A] Sull’ammissibilità dell’istituto della proroga tecnica. [B] Sulla possibilità del ricorso da parte delle amministrazioni pubbliche a più proroghe. [C] Sulla necessità del possesso de requisiti morali in capo ai contraenti negli affidamenti relativi ai settori esclusi dall’applicazione del D.Lgs. 50/2016. [D] Sul principio della continuità del possesso dei requisiti in capo all’aggiudicataria. [E] Sull’ammissibilità della domanda di risarcimento del danno da perdita di chance.
TAR Emilia Romagna BO, Sezione II, 26 gennaio 2021
[A] Sul requisito del pregresso svolgimento di “servizi analoghi”. [B] Sulla valutazione della Stazione appaltante in ordine alla sussistenza del requisito dello svolgimento di “servizi analoghi”. [C] Sul nuovo esercizio dell’autonomia negoziale in caso di rinnovo del contratto.
TAR Sicilia CT, Sezione I, 28 aprile 2020
[A] Sulle condizioni per il legittimo esercizio della proroga e se sia ammissibile laddove i documenti di gara prevedono il solo rinnovo del contratto. [B] Sulla prevalenza del criterio interpretativo letterale. [C] Se rientri nella giurisdizione del giudice amministrativo l'annullamento degli atti amministrativi con cui la P.A. committente abbia ampliato l'oggetto del contratto in favore dell'aggiudicatario. [D] Sul carattere eccezionale della proroga tecnica e se possa legittimamente discendere dalla necessità di acquisire un nulla-osta necessario all’avvio della procedura di gara.
TAR Campania NA, Sezione V, 2 aprile 2020.
[A] Sulla differenza tra proroga e rinnovo. [B] Se la proroga diretta sia equiparabile all'affidamento senza una procedura competitiva. [C] Sull’ammissibilità della cd. proroga tecnica.
TAR Toscana, Sezione III, 24 marzo 2020
[A] Sulla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo in materia di procedure di affidamento di contratti pubblici. [B] Sulle modifiche contrattuali ex art. 106 co. 1 lett. a), D. Lgs. 50/2016.
Consiglio di Stato, Sezione III, 18 settembre 2019
[A] Se la presenza del delegato di un concorrente alla seduta di gara in cui si sono deliberate le ammissioni faccia decorrere il termine per ricorrere ex art. 120, comma 2-bis, c.p.a. vigente ratione temporis. [B] Se la cessione di ramo d’azienda comporti per il cedente in via automatica la perdita delle proprie qualificazioni. [C] Se il principio affermato dall’art. 51 del d. lgs. 163/2006 dell’ammissibilità di modifiche soggettive dei concorrenti anche nella fase di aggiudicazione dell’appalto, previo accertamento dei requisiti previsti, possa ritenersi tuttora applicabile. [D] Sull’onere della prova della distorsione del confronto concorrenziale di cui all’art. 80, lett. m, D. Lgs. 50/2016 e se sia sufficiente al riguardo la circostanza che un subappaltatore sia designato da due o più concorrenti.
Consiglio di Stato, Sezione III, 18 settembre 2019
[A] Se la presenza del delegato di un concorrente alla seduta di gara in cui si sono deliberate le ammissioni faccia decorrere il termine per ricorrere ex art. 120, comma 2-bis, c.p.a. vigente ratione temporis. [B] Se la cessione di ramo d’azienda comporti per il cedente in via automatica la perdita delle proprie qualificazioni. [C] Se il principio affermato dall’art. 51 del d. lgs. 163/2006 dell’ammissibilità di modifiche soggettive dei concorrenti anche nella fase di aggiudicazione dell’appalto, previo accertamento dei requisiti previsti, possa ritenersi tuttora applicabile. [D] Sull’onere della prova della distorsione del confronto concorrenziale di cui all’art. 80, lett. m, D. Lgs. 50/2016 e se sia sufficiente al riguardo la circostanza che un subappaltatore sia designato da due o più concorrenti.
T.A.R. Campania NA, Sezione IV, 2 gennaio 2019
Sull’ammissibilità della proroga e, in particolare, della proroga tecnica
T.A.R. Toscana, Sezione III, 29 dicembre 2018
Sull’ammissibilità o meno della rinegoziazione di un contratto.