Rivista sull'affidamento dei contratti pubblici. ISSN 2785-5597     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Giuseppe Gratteri  e  Avv. Gherardo Lombardi
Consiglio di Stato, Sezione III, 19 marzo 2020

Sulle conseguenze derivanti dalla mancata sottoscrizione dell'offerta economica nel caso di svolgimento della procedura in modalità telematica.

Consiglio di Stato, Sez. IV, 24 gennaio 2022

Sulle conseguenze derivanti dalla mancata presentazione dell'offerta a causa del non funzionamento della piattaforma telematica

T.A.R. Umbria, Perugia, Sez. I, 14 dicembre 2021

[A] Sulla pubblicità delle gare pubbliche gestite mediante piattaforme telematiche. [B] Sulle conseguenze derivanti dalla mancata formalizzazione delle regole di scelta dei commissari. [C] Sul significato dell’espressione “settore”, di cui all’art. 77 del D.lgs 50 del 2016 con riferimento alle competenze dei commissari di gara.

T.A.R. Sicilia, Catania, Sez. I, 8 aprile 2021

[A] Sulla responsabilità dell’Amministrazione rispetto alle anomalie della piattaforma telematica utilizzata per lo svolgimento della gara. [B] Le conseguenze da parte dell’Amministrazione relative al ricorso al potere di autovincolo.

Consiglio di Stato, Sezione V, 1° marzo 2021
[A] Se possa revocarsi l’aggiudicazione in caso di sopravvenienza normativa. [B] Sull’obbligo di apertura in seduta pubblica delle buste contenenti tanto la documentazione amministrativa che le offerte, tecniche ed economiche. [C] Se l’obbligo di apertura in seduta pubblica delle buste operi anche in caso di modalità telematica di svolgimento della gara. [D] Principi giurisprudenziali sulle competenze della commissari di gara. [E] Se il ricorrente che lamenti l’illegittimità della composizione della commissione sia onerato della prova di resistenza.
Consiglio di Stato, Sezione III, 20 gennaio 2021
[A] Sull’obbligo di apertura in seduta pubblica delle buste e sulle conseguenze derivanti dalla sua violazione. [B] Se il principio di pubblicità delle sedute di gara operi anche nelle gare telematiche. [C] Se l’impossibilità di rinnovazione parziale dei giudizi anche a buste aperte abbia carattere assoluto.
TAR Calabria RC, 23 novembre 2020
[A] Sull’interpretazione del principio di tassatività stabilito dall’art. 83, comma 9, del D.Lgs. 50/2016. [B] Sulla conservazione dell’offerta in capo al concorrente nel caso di gare telematiche. [C] Sul termine per la presentazione delle offerte nell’ambito di una procedura totalmente informatizzata. [D] Sulla ripartizione tra soggetto partecipante e amministrazione procedente del “rischio tecnico” di inidoneo caricamento e trasmissione di dati su piattaforma informatica. [E] Se sia ammissibile nelle gara telematiche l’applicazione analogica dei principi in tema di notificazione degli atti giudiziari.
TAR Lazio RM, Sezione III Quater, 26 giugno 2020
[A] Se sia necessaria l’identità tra il numero seriale della marcatura temporale inserita all’atto della presentazione dell’offerta e quello apposto sull’offerta nella fase di upload. [B] Se sia legittima l’esclusione di un concorrente per mancato inserimento del numero seriale identificativo della marcatura temporale applicata sul file offerta economica. [C] Sulla rilevanza temporale della risoluzione per inadempimento ai fini dell’ammissione alla procedura di gara. [D] Sulla sindacabilità del giudizio tecnico compiuto dalla commissione giudicatrice. [E] Sulla eventuale commistione tra offerta economica e tecnica in una gara da aggiudicare secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.
TAR Toscana, Sezione II, 6 maggio 2020
[A] Sull’applicabilità della regola della rotazione ai soggetti riconducibili a quelli per i quali opera il divieto di invito o di affidamento. [B] Se tra i soggetti “riconducibili” rientri la società in situazione di controllo rispetto alla precedente affidataria. [C] Se nelle gare telematiche siano valide le dichiarazioni rilevanti prive della copia del documento d’ identità del dichiarante.
TAR Puglia BA, Sezione III, 3 aprile 2020
Se il rischio inerente alle modalità telematica di trasmissione ricada sui concorrenti o sull’ente che ha bandito la gara.
Consiglio di Stato, Sezione III, 7 gennaio 2020
[A] Se il verificatore debba assegnare ai consulenti di parte un termine intermedio per le osservazioni in analogia a quanto previsto dall’art. 67 c.p.a. [B] Se possa essere escluso il concorrente che non ha inviato la documentazione di gara per un malfunzionamento del sistema imputabile al gestore.
Consiglio di Stato, Sezione III, 11 marzo 2019
[A] Sull’onere della prova del concorrente che contesti la manomissione dei plichi e sulla rilevanza a tal fine dei verbali delle operazioni di gara. [B] Sulla maggiore attendibilità delle operazioni di gara mediante modalità telematiche. [C] Sulle conseguenze della mancata previsione di sub-pesi e sub-punteggi nelle gare da aggiudicare con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. [D] Se la Commissione giudicatrice abbia il potere di individuare sub-criteri di valutazione in caso di gara con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.
Consiglio di Stato, Sezione III, 13 dicembre 2018
[A] Sull’equivalenza delle specifiche tecniche. [B] Sull’interpretazione delle offerte. [C] Sulla gestione telematica della gara.
T.A.R. Emilia Romagna Bologna, Sezione II, 15 novembre 2018
[A] Sulla nomina dei membri della Commissione giudicatrice. [B] Sull’incompatibilità o meno dell’ufficio di R.U.P. con quello di Presidente della Commissione giudicatrice. [C] sulla possibilità o meno di aprire le buste in seduta riservata