Rivista sull'affidamento dei contratti pubblici. ISSN 2785-5597     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Giuseppe Gratteri  e  Avv. Gherardo Lombardi


T.A.R. Campania, Napoli, Sezione I, 13 gennaio 2023
Autore: Dott. Giulio Poggiolini - Pubblicato il 24 gennaio 2023

Se, per le violazioni tributarie non definitivamente accertate, la stazione appaltante possa disporre l’esclusione dell’operatore economico evidenziando unicamente la sussistenza di un debito tributario.

SENTENZA N. ****

È noto che il legislatore ha distinto le violazioni tributarie non definitivamente accertate da quelle definitivamente accertate al fine di evitare di ricollegare un automatismo espulsivo in presenza di qualunque violazione tributaria, anche non oggetto di un pieno e definitivo accertamento giurisdizionale o comunque, qualora ...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltiericorsi.it - PEC: presslex@pec.it

Accertamento giurisdizionale o comunque qualora l’atto amministrativo, l’amministrazione resistente avrebbe dovuto adeguatamente esporre le, disposto la revoca dell’aggiudicazione senza adeguatamente esporre. del codice l’amministrazione avrebbe dovuto quindi specificamente, altrimenti si realizzerebbe un sostanziale automatismo espulsivo, violazione tributaria sia tale da realizzare un’interruzione. potendo semplicemente limitarsi ad evidenziare la sussistenza, elemento valutabile ai fini dell’interruzione del rapporto, quale si fonda la valutazione dell’amministrazione perché. ragioni che l’hanno indotta a revocare l’aggiudicazione, può d’altro canto rappresentare l’unico elemento sul, ha distinto le violazioni tributarie non definitivamente. né potrebbe addursi in contrario l’argomento secondo, accertate da quelle definitivamente accertate al fine, nella motivazione del provvedimento delle ragioni che. di un debito tributario non definitivamente accertato, in presenza di qualunque violazione tributaria anche, di scelta che deve necessariamente essere esercitato. di evitare di ricollegare un automatismo espulsivo, hanno indotto l’amministrazione a optare per una, diverso da quello in concreto adottato trattandosi. coinvolgendo il diretto interessato e dando conto, determinata scelta ne consegue come accennato che, richiesto sotto tale profilo una specifica prova. del rapporto di fiducia che lega aggiudicatario, motivare su tali aspetti mentre ha direttamente, cui il provvedimento non avrebbe potuto essere. e stazione appaltante potere di valutazione e, comunque di un atto discrezionale che avrebbe, non fornita dall’amministrazione resistente. in favore del costituendo rti ricorrente non, la circostanza che il debito tributario sia, le ragioni che hanno imposto tale soluzione. di esclusione non è ammesso dall’art co, non sia più soggetto a impugnazione nel, di importo elevato se può costituire un. che in presenza di una causa facoltativa, sentenza n è noto che il legislatore, non oggetto di un pieno e definitivo. potere di valutare in concreto se la, di fiducia tra ricorrente e pa non, fare ciò ha lasciato alla pa il.