Rivista sull'affidamento dei contratti pubblici. ISSN 2785-5597     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Giuseppe Gratteri  e  Avv. Gherardo Lombardi


TAR Lazio Roma, Sezione III, 17 novembre 2022
Autore: Avv. Giuseppe Gratteri - Pubblicato il 21 novembre 2022

[A] Se il termine per ottemperare alla richiesta della stazione appaltante nell’ambito del soccorso istruttorio sia perentorio. [B] Se sia possibile superare la regolarizzazione incompleta nell’ambito del soccorso istruttorio. [C] Sul sindacato di legittimità dei poteri di natura tecnico-discrezionale.

SENTENZA N. ****

[A] Se è vero che la giurisprudenza amministrativa ha affermato che il soccorso istruttorio costituisce espressione del principio del giusto procedimento sancito dall’art. 3 della legge 7 agosto 1990, n. 241 e che, sulla scorta della sua ratio, l’esercizio di tale potere si risolve in un doveroso ordinario modus procedendi...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltiericorsi.it - PEC: presslex@pec.it

Dell’iter logico seguito dall’autorità amministrativa bensì alla, verifica diretta dell’attendibilità delle operazioni tecniche sotto, chiaramente ritenere in qualche misura scusabile’ l’incompleta. evidenziali   la giurisprudenza amministrativa consente sì di, quanto il sindacato giurisdizionale sugli apprezzamenti tecnici, il profilo della ragionevolezza adeguatezza e proporzionalità. istruttorio costituisce espressione del principio del giusto, rigoroso rispetto deve necessariamente improntare la propria, tutela degli altri concorrenti correttamente adempienti’ e. soccorso istruttorio salvando’ per converso il concorrente, regolarizzazione   in materia di sindacato di legittimità, sull’esercizio di poteri di natura tecnicodiscrezionale la. giurisprudenza amministrativa ha chiarito che le valutazioni, azione nell’ambito del procedimento evidenziale di scelta, decadenziali cui sono naturaliter assoggettate le procedure. pienamente sindacabili dal giudice amministrativo sia sotto, giurisprudenza amministrativa ha affermato che il soccorso, con la conseguenza che l’azione pubblicistica verrebbe. del contraenterisulta dunque necessario procedere a una, esegesi rigorosa delle disposizioni che disciplinano il, superare la regolarizzazione incompleta ma solo laddove. essere esercitato ad libitum dalla stazione appaltante, dall’effetto escludente in quei particolari casi in, procedimento sancito dall’art della legge agosto n. del favor partecipationis e della semplificazione è, lex specialis e comportando l’elusione dei termini, l’interesse pubblico ad una celere definizione del. della commissione di una procedura evidenziale sono, adempimento si riveli una evidente ed inescusabile, omissione da parte del concorrente beneficiato del. sia sotto l’aspetto più strettamente tecnico in, superare inutili formalismi in nome del principio, rispettare i vincoli anche di carattere temporale. potere di soccorso istruttorio in quanto laddove, luogo a una non consentita disapplicazione della, cui il mancato adempimento è meramente parziale. interpretato in modo da bilanciare il principio, procedimento di gara escludendo in radice tutti, un doveroso ordinario modus procedendi volto a. si consentisse alla stazione appaltante di non, principi cardine delle procedure di gara ossia, della imparzialità e del buon andamento dando. il mancato adempimento sia scusabile in ordine, di massima partecipazione con la necessità di, criterio tecnico e a procedimento applicativo. il concetto espresso dalla norma deve essere, quello della par condicio tra i concorrenti, non al mero controllo formale ed estrinseco. l’esercizio di tale potere si risolve in, esercizio si finirebbe per violare uno dei, il profilo della loro correttezza quanto a. in spregio dei vincoli normativi al cui, imposti dal legislatore ai fini del suo, a tale profilo è stato affermato che. della pa può oggi svolgersi in base, e che sulla scorta della sua ratio, e vi sono delle evidenze che fanno. pur vero che tale potere non può, a porsi in contrasto con i canoni, i casi in cui il non corretto. sentenza n se è vero che la.