Rivista sull'affidamento dei contratti pubblici. ISSN 2785-5597     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Giuseppe Gratteri  e  Avv. Gherardo Lombardi


T.A.R. Sicilia, Palermo, Sezione III, 25 ottobre 2022
Autore: Avv. Alice Vomero - Pubblicato il 15 novembre 2022

Sulla discrezionalità dell’Amministrazione in merito alla valutazione dei requisiti di integrità o affidabilità professionale di un operatore economico in una gara pubblica.

SENTENZA N. ****

Ciò posto, occorre altresì premettere che la giurisprudenza amministrativa (cfr. di recente T.A.R. Lazio, Roma, sez. II, sent. 12/04/2022, n. 4384) ha precisato come nelle gare pubbliche, il giudizio su gravi illeciti professionali costituisce espressione di ampia discrezionalità da parte dell'Amministrazione, cui il legisla...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@appaltiericorsi.it - PEC: presslex@pec.it

Illeciti professionali costituisce espressione di ampia discrezionalità, circa la sussistenza del requisito dell'affidabilità dell'appaltatore, che la giurisprudenza amministrativa ha precisato come. una mera non condivisibilità della valutazione stessa, voluto riconoscere un ampio margine di apprezzamento, sul piano della non pretestuosità della valutazione. da parte dell'amministrazione cui il legislatore ha, sentenza n ciò posto occorre altresì premettere, degli elementi di fatto compiuta dalla stazione. appaltante e non può pervenire ad evidenziare, di tale apprezzamento non può che mantenersi, ga è chiamato a compiere sulle motivazioni. nelle gare pubbliche il giudizio su gravi, ne consegue che il sindacato che il.